Un giorno Alice arrivò ad un bivio sulla strada e vide lo Stregatto sull’albero.
– “Che strada devo prendere?” chiese.
– “Dove vuoi andare?”
– “Non lo so”, rispose Alice.
– “Allora, – disse lo Stregatto – non ha importanza che strada prendi”. 

Alice nel paese delle meraviglie
Lewis Carroll

Primo e anche piu importante passo nel allenamento mentale è definire in maniera chiara e corretta i propri obiettivi.
Sapere COSA VOGLIO VERAMENTE fornisce all’atleta la motivazione e la ragione giusta per entrare in azione traciando una precisa direzione da seguire.
Come bisogna fare per fissare un buon obiettivo?
Nel definire gli obiettivi dovremmo ricordare che devono essere S.M.A.R.T.: questo è un acronimo che sintetizza il metodo descritto da Peter Drucker nel suo libro The Practice of Management (1954).
• SPECIFICO, quindi deve essere chiaro, e non vago.
• MISURABILE, ciò permette di capire se il risultato atteso è stato raggiunto o meno ed eventualmente, quanto si è lontani dalla meta.
• AMBIZIOSO,ma possibile da raggiungere altrimenti potrebbe rischiare di ridurre la motivazione, ma al tempo stesso deve essere stimolante.
• REALISTICO, deve essere sì stimolante, ma anche realisticamente raggiungibile date le risorse e i mezzi a disposizione.
• TEMPIFICATO, l’obiettivo deve essere basato sul tempo, cioè occorre determinare il periodo di tempo entro il quale l’obiettivo deve essere realizzato.
Un atleta senza obiettivi chiari è come una nave che naviga senza una destinazione, invece un obiettivo ben definito è coma la bussola che ci indica la destinazione giusta.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe Iene: ragazza in studio “umilia” Fabio Volo nei palleggi
Articolo successivoEsordio positivo per l’Italia Femminile Under 16
Iwona Popczak
Iwona Popczak, polacca d’origine, italiana d’adozione, ma cittadina del mondo. Coach con un accreditamento ACC presso ICF, specializzata in sport ,business e personal coaching. Da due anni collabora con le squadre di calcio come mental coach. Proprietaria di Kompas Coaching. Curiosa, dinamica e tenace, il punto di forza del sostegno che offre consiste nel fornire strumenti affinché le persone possano delineare soluzioni e piani d’azione per trasformare gli obiettivi in risultati.