Ottimo inizio in casa del Ravenna Women per le titane di Giulia Domenichetti: il primo riscontro stagionale è positivo e vede una vittoria delle sammarinesi per 4 a 3.

Si inizia subito con Zineb Abouziane, la nuova arrivata, che cerca la porta su sponda di Barbieri: il tiro finisce alto di pochissimo; altra sponda (stavolta di Barbieri) che arriva al sinistro di Brambilla, con un buon controllo da parte di Vicenzi. Le ospiti provano a trovare il punto: vani, però, i colpi. Al 20’ occasione mancata per le titane: trema la traversa del Ravenna su punizione di Zito, che cerca la porta dalla distanza. Dopo soli altri 8 minuti si sblocca il punteggio con l’arrivo del tiro a segno di Papaleo (il primo personale). Le biancoazzurre non si fermano: cercano immediatamente un’altra occasione con Barbieri che si ritrova sola davanti a Vicenzi, brava a scegliere il tempo dell’uscita e a schermare la conclusione della numero 45 ospite. Il secondo punto arriva da dischetto con Barbieri che spiazza il portiere della squadra opposta con un tiro centrale; disattenzione, però, nel recupero della prima frazione: arriva, infatti, il goal del Ravenna che avvicina il punteggio.

Nella ripresa si tenta subito il pareggio, negato, però, dalle sammarinesi. Passato un altro rischio, la squadra di Domenichetti reagisce e al 54’ trova la rete portandosi in vantaggio di 3 a 1. Nonostante ciò, il Ravenna non demorde e torna a farsi sotto con Gardel, che svetta sull’angolo di Barbaresi: scattante, però, la risposta dell’Academy che trova la rete del nuovo duplice vantaggio. Si riparte con Papaleo che sceglie di servire Marengoni, entrata in campo ad inizio secondo tempo: grazie ad un sinistro perfetto dalla media distanza, centra la rete avversaria con una palla sotto la traversa; nulla da fare per Vicenzi, che non abbozza neppure l’intervento. Al 30′ pressione della squadra di casa: il Ravenna trova il terzo goal con Raggi, che anticipa l’uscita di Montanari in scivolata. Ultimi minuti di recupero: l’ultimo tentativo è del Ravenna che però spedisce fuori dai pali.

Nata a Cagliari, del '97. Perito industriale capotecnico, insegnante tecnico pratica di chimica con il calcio e la pallavolo nel cuore fin da quando ero bambina. Difficilmente mi perdo una partita (di genere maschile o femminile che sia): con le ragazze della nazionale femminile ho imparato ad apprezzare ancora di più questo sport. Quella per la musica è un'altra mia forte passione.