Il calcio femminile con la vittoria dell’Inghilterra a sorpresa contro la granitica Germania di domenica 31 luglio ha aperto ulteriori scenari sul Calcio Europeo, visto che le inglesi non avevano mai conquistato un titolo in questo ambito e ci sono arrivate dopo che nel passato era stato proibito loro per tanti anni di giocare proprio del campo principale londinese, che invece questa volta era tutto per loro, con oltre 87.192 spettatori paganti e festanti, e si sono difese molto bene anche in TV, nonostante la gara in Italia fosse trasmessa da Rai 2 alle 18 in una domenica afosa quando solitamente il mare tiene lontano gli amanti del calcio dai televisori, anche se so che, per esempio, che in molti bar provvisti di maxi schermo la partita è stata seguita da tanti bagnanti davanti ad un bella birra ghiacciata. I dati sono i seguenti:  

AUDITEL INGHILTERRA-GERMANIA SU RAI 2 

Inghilterra-Germania – 750.680
Tempi Supplementari – 1.126.916

Un bellissimo traguardo e una bellissima notizia per il calcio femminile italiano che da questi europei usciva con le ossa rotte per via delle prestazioni imbarazzanti della nostra Nazionale e della relativa macchina del fango che l’editoria italiana e non solo aveva azionato su tutto il movimento femminile.

In campo, inoltre, abbiamo assistito ad una bella partita di ottima fattura tecnica e tanto sano agonismo.

Tutto questo non può che rallegrare in vista dell’imminente primo Campionato da professioniste delle ragazze della serie A e speriamo presto anche delle altre serie.

Perché ora è importante come non mai, una volta solidificata questa prima fase di professionismo, cercare di allargare la base come minimo anche alla serie B, se non alla serie C.

Ma, soprattutto, mi aspetto come non mai dalla prossima stagione che società con alle spalle top club maschili continuino a potenziare come si sta facendo in particolare in serie A, il settore femminile e le scuole calcio per le bambine, senza trascurare che sempre più strutture sono adibite ora solo al calcio femminile.

Penso alla fine che il movimento abbia ancora la forza per poter fare il grande salto e sta anche a noi lavorare tutti assieme affinché, nel giro di 2-3 anni, il calcio femminile in Italia sia uno sport che possa competere a pieno regime con la danza e la pallavolo, che per anni hanno avuto la prevalenza nello sport femminile.

Danilo Billi 

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.

2 COMMENTI

  1. Bravo! Anche il sistema degli Stati Uniti non è affatto disprezzabile disprezzabile, con 12 squadre professioniste nella massima serie, senza retrocessioni ed un immenso bacino sottostante che spinge (College) e propone un immenso “potenziale” ricambio per la loro nazionale, che non a caso è spesso fra le migliori.

    Lo sapevi che le tre partite con più pubblico (live, allo stadio) del 2021 in Europa sono state di calcio femminile? Barcellona-Real Madrid e Barcellona-VfL Wolfsburg al Camp Nou e la finale degli Europei a Wembley. Ma pure l’amichevole della Svezia pre torneo contro il Brasile ha avuto più di 33.000 spettatori…

    • Grazie signor Barone.
      Si ero a conoscenza che le partite con più pubblico fortunatamente erano quelle in rosa…Chissà forse a partire dalla stessa Italia qualcuno ai vertici cambierà idea su questo tipo di calcio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here