Dopo la partenza del Campionato di serie A, arrivato ormai già alla terza giornata, e quello della serie C che ha rotto il ghiaccio la scorsa domenica, questo fine settimana inizierà anche il campionato delle squadre italiane per eccellenza, ovvero quello di serie B 

Un Campionato che, più volte, ha messo in piazza le sue paure i suoi dubbi e le sue fragilità, se comparato con i numeri a quello della serie A professionistica a 10 squadre, dove la grande presenza di straniere ha fatto sì che le moltissime giovani che non hanno trovato posto o che comunque hanno ancora bisogno di crescere e fare la loro strada prima di diventare o essere giocatrici già pronte e finite per poter reggere tale palcoscenico, sono state mandate in prestito proprio in serie B. Una categoria che, anche recentemente, ha presentato una lettera, firmata da quasi la totalità dei Club, al Presidente Gravina della Figc, saltando anche la Presidentessa Mantovani, nella quale si sono sottolineate le criticità in cui vanno a scontrarsi i Club della categoria cadetta che, a differenza della Serie A e del suo professionismo, rimangono una lega dilettante con tutti i problemi ma, soprattutto, hanno tante spese da affrontare e nessun paracadute per attutire l’eventuale caduta nel vuoto. 

A preoccupare in modo particolare le 16 consorelle della serie B sono le scorie che di riflesso stanno travolgendo questo campionato, come per esempio l’assenza di visibilità, i costi delle lunghe trasferte, e il mantenimento delle scuole calcio, o il lancio di giovani atlete, per lo più minorenni, che vanno adeguatamente seguite dentro e fuori del campo di gioco con residenze, scuole ecc… 

La serie B, che aprirà le danze del nuovo campionato questo fine settimana, si sente minacciata dagli elevati costi e chiede aiuto, un grido d’allarme che sarà ascoltato o che, invece, rimarrà senza risposta, creando un effetto domino con il quale la prossima stagione si vedrà una serie B meno numerosa per via di poche iscrizioni al campionato!

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here