Mary Earps fa ancora parlare di sè ed aumenta la sua collezione di premi personali essendo stata votata dal pubblico della BBC come Giocatrice dell’Anno 2023. Tra le finaliste di quest’anno ci sono nomi di atlete internazionali come Aitana Bonmati (Campionessa del Mondo), Sam Kerr, Fridolina Rolfö e Alexandra Popp.

Per la nona edizione del BBC Women’s Footballer award, il premio è stato dato ad un portiere e questa è di per sè una novità. Le precedenti edizioni del premio sono infatti state vinte da Beth Mead (2022), Vivianne Miedema (2021), Lucy Bronze (2020 e 2018), Ada Hegerberg (2019 -2017), Kim Little (2016) e Asisat Oshoala (2015).

Queste le parole di Mary Earps alla BBC: “È veramente un onore essere il primo portiere ad avere tra le mani questo premio”.

Un anno complicato per Earps, che l’ha vista protagonista al Mondiale sia per l’aver ottenuto il prestigioso premio Golden Glove nonostante la sconfitta in finale contro la Spagna, che per la disputa con lo sponsor tecnico Nike sulla diponibilità e vendita delle magliette in replica della  numero 1 Nazionale. Nella stagione 2022-23 Earps ha mantenuto le reti inviolate del Manchester United per oltre 14 partite – un record per la WSL e ha contribuito al raggiungimento del più alto posto in classifica nella storia dei Red Devils. Da non dimenticare anche la nomina al Pallone D’Oro 2023, in cui Earps è arrivata quinta: “Sono successe molte cose nell’ultimo anno” continua Earps “Abbiamo avuto la Coppa del Mondo, poi tutto quello che è successo per le repliche della maglia da portiere: ho avuto tutti i portieri con me, e tutta la gente. È stato anche un anno indimenticabile per il Manchester United… Direi gli ultimi due anni sono stati incredibili. Mi godo ogni momento”.

La BBC ha sorpreso Mary Earps l’ultimo lunedì di novembre a Carrington, la sede di allenamento del Manchester United, ed il premio le è stato consegnato dal presentatore della BBC Maz Farookhi e da Katie Zelem, capitano del Manchester United e compagna di squadra in Nazionale. Maz Farookhi ha mostrato a Mary Earps video di congratulazioni da parte di altre giocatrici ex compagne di squadra di Earps o Nazionali e della CT della Nazionale Sarina Wiegman. Nel messaggio della “Boss”, come chiamano Sarina qui in Inghilterra, e che è stato condiviso dalle piattaforme social della BBC Sport, oltre alle congratulazioni per il premio, le raccomandazioni di non “sedersi troppo sugli allori”, probabilmente riferite agli imminenti impegni della Nazionale con Olanda e Scozia.

Katie Zeleman ha dichiarato come tutti conoscano le grandi qualità di Mary Earps sia come portiere del Manchester Utd e Nazionale che come giocatrice impegnata fuori dal campo nella promozione del ruolo del portiere, con il motto “goalkeeping is cool” – fare il portiere è grandioso.

Chi non si ricorda di aver messo in porta “il più scarso coi piedi” per giocare? Fortunatamente il ruolo del portiere nel gioco moderno è cambiato e quello che sta creando Mary Earps sta avendo eco a tutti i livelli del calcio femminile qui in Inghilterra. Vediamo se aiuterà la n.1 nel contribuire all’impresa dell’Inghilterra per la qualifica alle Olimpiadi come Team GB.

Appassionata di calcio femminile dagli anni 90, prima portiere, poi arbitro ed ora allenatrice con il patentino di UEFA B in via di lavorazione. È attualmente Academy Manager per la realtà femminile giovanile della Kinetic Foundation ed Head Coach per QPR U12 Girls. Ambasciatrice per Kick It Out - l'associazione inglese contro ogni forma di discriminazione, se non su un campo da calcio o sugli spalti di uno stadio, la si può incontrare in qualche caffè indipendente intenta a leggere una biografia calcistica o un libro di narrativa italiana. Adora ascoltare BBC radio 2 o musica anni 80 quando guida anche se preferisce podcast calcistici in autostrada. Ha vissuto un po' ovunque ma ora è di base a Londra.