Credit Photo: Paolo Pizzini

La Juventus archivia la pratica Zurigo, con un secco 5 a 0, per una gara fredda ma riscaldata sul campo da una ottima prestazione delle bianconere.

IL TABELLINO:

JUVENTUS (4-3-3)

Peyraud-Magnin, Boattin, Salvai, Sembrant, Lenzini (52’ Lundorf); Cernoia, Pedersen (’77 Rosucci), Caruso (69’ Zamanian); Beerensteyn, Girelli (’77 Cantore), Bonansea (69’ Bonfantinbi). All. Joe Montemurro A disp. Aprile, Forcinella, Gama, Rosucci, Grosso, Bertucci, Schatzer, Dulijan.

ZURIGO (4-4-2)

Fredli, Pando, Vetterlein, Stierli, Riesen; Pinnther, Rey, Bernauer, Piubel; Humm, Pilgrim. All. Inka Grings

A disp.Romero, Bollmann, Megroz, Wos, Markou, Enz, Egli, Hobinger, Schefer.

Arbitro: Riem Hussein (GER)

 

LE PAGELLE di Juventus – Zurigo:

JUVENTUS (4-3-3)

Peyraud-Magnin 6 Poco lavoro, gioca sulla linea al limite dell’area, controllando la gara.

Boattin 7 La calciatrice più utilizzata da mister Montemurro, una garanzia in ogni match, sempre un gran controllo del gioco e della sfera: dall’angolo genera la palla magica per Beerensteyn.

Salvai 6.5 Sempre puntuale sul pallone, le sue manovre tra le linee difensive bloccano tutte le poche giocate dello Zurigo,

Sembrant 6 Nel finale concede una sola occasione alle ospiti, che sciupano, per il resto un buon controllo del gioco.

Lenzini 6.5 Precisa e puntuale legge bene le giocate della sua squadra.

(52’ Lundorf 6) Modulo tattico invariato, buona gestione del risultato senza nessun pericolo.

Cernoia 6.5 Tantissime aperture, un gioco sempre credibile e di alto livello, le sue manovre con Bonansea e le giocate per Caruso restano puntuali nello schema.

Pedersen 6 Lineare, precisa e dinamica, per una gara semplice ma giocata con impegno fisico e buona tecnica. (’77 Rosucci SV)

Caruso 6.5 Unica nel calci piazzati, il suo gioco di questa sera sebbene con spazi molto aperti, ha trovato semplicità e coordinazione per tutto il gruppo. (69’ Zamanian SV)

Beerensteyn 7.5 Quarta rete, in tre gare di fila, ha trovato le giuste dinamiche di inserimento nel modulo di Joe diventando sempre più la calciatrice che spinge il gruppo alla vittoria. Grazie a lei, si genera il rigore, sul quale Cristiana segna la terza rete.

Girelli 8 La numero dieci, dopo la gara contro la Roma, sembra aver ritrovato la grinta di un tempo: dirige e coordina il gruppo da vera veterana. Un gol in partenza la carica ancora di più la sua ottima prestazione: cucchiaio dagli undici metri per un poker che entrerà nella storia bianconera. (’77 Cantore SV)

Bonansea 6.5 Grazie al suo tiro deviato in angolo si genera il doppio vantaggio, buone le sue fughe in fascia si porta via due avversarie, una gara giocata con sacrificio e passaggi precisi. (69’ Bonfantini SV)

All. Joe Montemurro 7 Il freddo e la neve non lo scalfiscono, assiste alla gara sempre in piedi nonostante la gara messa al sicuro dopo appena due minuti, una vittoria voluta e cercata con duro lavoro ed adesso si gioca la qualificazione a Lione.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.