Le Leonesse hanno vinto il loro primo trofeo importante battendo la Germania 2-1 ai supplementari . Ed il boss del Brighton, ex CT della Nazionale Inglese, pensa che il loro successo avrà un impatto importante e cambierà le opinioni, non solo nel calcio.

Questo ci offre una piattaforma fantastica per lanciarci ancora più lontano di dove siamo ora“, ha detto Powell a BBC Radio 5 Live, “Oggi a Brighton mi è stato detto che le vendite di abbonamenti sono aumentate del 222%. Quindi l’impatto che ha già avuto sul campionato nazionale è lì e visibile. La sfida per il futuro è che deve essere sostenibile per un periodo di tempo”.

La finale di domenica è stata seguita da un pubblico di 87.192 spettatori a Wembley, record assoluto del torneo Uefa.

Ha anche raggiunto un picco di audience televisiva BBC One di 17,4 milioni , diventando così la partita di calcio femminile più seguita dalla televisione britannica.

“Spero che come risultato di tutta questa euforia e del fatto che tutti hanno assistito a fantastiche esibizioni di calcio, da tutte le nazioni coinvolte, che i fan e le persone interessate al gioco guardino al prodotto e vadano ‘questo vale la pena andare a vedere.'”

Ha proseguito Powell, prima allenatrice nera e prima donna di una nazionale inglese, ha allenato le Leonesse per 15 anni dal 1998 al 2013.

Ha anche giocato per l’Inghilterra tra il 1983 e il 1998, partecipando alla prima “Competizione europea per il calcio femminile” nel 1984, quando l’Inghilterra ha perso una doppia finale contro la Svezia ai rigori a Kenilworth Road a Luton.

Se fosse stato oggi, la partita non sarebbe stata giocata: c’erano condizioni orribili al punto che la palla non sarebbe nemmeno rotolata sul campo. È stato un vero bagno di fango”, ha riflettuto Powell, Guardi le condizioni in cui stanno giocando le giocatrici ora a Wembley, la migliore superficie che c’è, di fronte a una folla di 87.000 spettatori. È incredibile. Quello è stato un momento. Un momento assoluto che 30 anni fa avremmo solo sognato”.

Per Powell, il successo ottenuto da Sarina Wiegman e dalla sua squadra ha cambiato il modo in cui le persone vedono il calcio femminile e lo sport femminile in generale.

“È un cambiamento sociale. Le donne sono saldamente sulla mappa e possono fare altrettanto bene delle loro controparti maschili. È una cosa potente che è accaduta ieri. Si spera che possa avere un effetto a catena su altri sport femminili”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti di Torino, dopo il conseguimento del Tesserino ha collaborato per varie testate giornalistiche seguendo il Giro d’Italia (per cinque edizioni), i Campionati del Mondo di SKI a Cortina, gli ATP FINALS di Tennis a Torino, i Campionati Italiani di Nuoto ed ha intrapreso, con passione e professionalità, dal 2019 a Collaborare con Calcio Femminile Italiano. Grazie a questa Testata ho potuto credere ancora di più a questo Movimento, sia nelle gare di Serie A che in Nazionale maggiore, ed a partecipare di persona all’ Argarve Cup ed ai Campionati Europei in Inghilterra. Ad oggi ricoprendo una carica di molta responsabilità, svolgo con onore questa mia posizione, portando ancora di più la consapevolezza di poter dare molto per lo sviluppo e la vibilità del Calcio Femminile in Italia e all’estero poiché lo merita per la sua continua crescita.