La Svezia travolge il Portogallo al Leigh Sports Village grazie a degli schemi perfetti su palla inattiva e a un gol all’incrocio di Stina Blackstenius, assicurandosi la qualificazione ai quarti da prima del Gruppo C e la loro vittoria col margine più ampio di sempre in partite di Women’s EURO.

I momenti chiave della gara
4′ Morais blocca un tiro di Rytting Kaneryd
17′ Costa sfiora il vantaggio da buona posizione
21 ‘ Angendal sblocca il risultato con una conclusione ravvicinata
45′ Angeldal raddoppia con un tiro potente dal limite dell’area
45’+6′ Costa segna un autogol di testa su calcio d’angolo
54′ Asllani trasforma un rigore dopo un tocco di mani in area
60′ Blackstenius segna di testa ma il VAR annulla per fuorigioco
90’+1′ Blackstenius scrive il proprio nome sul taccuino dei marcatori con un gol all’incrocio dei pali

La partita in breve
Entrambe partono subito forte ma è la Svezia a sfiorare il vantaggio dopo quattro minuti con una conclusione di Johanna Rytting Kaneryd che viene bloccata da Patricia Morais – una delle due calciatrici diverse rispetto alla precedente partita. La Selecção gioca un buon calcio ma sono le svedesi a sbloccare il risultato al 21′ con una ribattuta al volo di Filippa Angeldal all’altezza del rigore dopo una smanacciata corta di Morais su corner di Andersson. Allo scadere del primo tempo la Svezia trova il raddoppio con uno schema su calcio piazzato: Kosovare Asllani batte una punizione quasi all’altezza del calcio d’angolo e passa il pallone all’accorrente Angeldal che si coordina bene e da appena dentro l’area lascia partire un destro che coglie controtempo il portiere avversario. L’arbitro concede sette minuti di recupero e a un minuto dalla fine, Costa segna di testa un autogol su calcio d’angolo.

Nella ripresa la Svezia continua a spingere e trova il 4-0 con un calcio di rigore di Asllani dopo un tocco di mani in area. Verso l’ora di gioco le Svedesi segnano un altro gol con un colpo di testa a pallonetto di Stina Blackstenius sull’ennesima palla inattiva ma il VAR lo annulla per fuorigioco. Nei minuti finali la Svezia segna il 5-0 definitivo dopo un contropiede letale finalizzato da Blackstenius con un tiro preciso a giro all’incrocio dei pali che non lascia scampo al portiere avversario.

Player of the Match: Kosovare Asllani (Svezia)
“I suoi lanci sulle palle inattive e le sue scelte perfette nei passaggi hanno fatto la differenza. Ha dimostrato abilità nell’uno contro uno, ha creato occasioni per le compagne e ha aperto spazi tra le linee”. – Osservetori Tecnici UEFA

Statistiche

  • La Svezia ha raggiunto i quarti in tutte e 12 le partecipazioni a Women’s EURO.
  • La svedese Caroline Seger era partita titolare nelle 17 precedenti partite di UEFA Women’s EURO prima di oggi.
  • Le Blågult non sono riuscite a segnare solo una volta nelle ultime 34 partite tra tutte le competizioni.
  • La Svezia ha segnato quattro gol in sei delle ultime otto sfide contro il Portogallo.
  • Questa è la quinta volta che la Svezia ha fatto quattro o più gol in una partita di Women’s EURO.

Formazioni
Svezia: Lindahl; Glas, Ilestedt, Eriksson (Sembrant 55′), Andersson; Angeldal (Bennison 70′), Asllani, Björn (Rubensson 78′); Rytting Kaneryd (Schough 55′), Blackstenius, Rolfö (Hurtig 70′)
Portogallo: Morais; Amado (Marchão 34′), Gomes, C. Costa (Rebelo 84′), Borges; T. Pinto, Do. Silva (F. Pinto 57′), Norton (Encarnação 84′); J. Silva, Nazareth (Faria 57′), Di. Silva

Prossima tappa
La Svezia affronterà la seconda del Gruppo D ai quarti di finale venerdì 22 luglio al Leigh Sports Village.