La Francia, una delle favorite per la vittoria dell’Europeo in Inghilterra e già prima classificata nel Girone D , perde una delle sue grandi stelle: Marie-Antoinette Katoto.

Secondo “Le Parisien”, in attesa del referto medico ufficiale della federazione francese, l’attaccante 23enne soffre di una lacerazione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro ed è anche stato colpito parte del menisco .

Marie Katoto, che stava partecipando per la prima volta ad una fase finale di una grande competizione con la squadra maggiore ‘bleu’, saluta sia l’Europeo che, sicuramente, la stagione 2022-23 con la sua squadra, il PSG, ovvero il club che aveva appena rinnovato di recente un contratto fino al 2025.

L’attaccante nata a Colombes che è stata sostituita al 16′ della partita tra Francia e Belgio, dopo la pausa del primo tempo, la calciatrice ha già dovuto usare le stampelle per spostarsi negli impianti del New York Stadium ed a oggi, secondo diversi media francesi, è stata confermata la prognosi peggiore .

Il suo grave infortunio si aggiunge a quelli già prodotti durante questo Campionato Europeo o nei giorni precedenti la sua preparazione in Inghilterra, come quelli del Pallone d’Oro Alexia Putellas prima dell’esordio della Spagna o quello del nordirlandese Simone Magill, prodotto durante il suo match contro la Norvegia.

Credit Photo: Andrea Amato

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti di Torino, dopo il conseguimento del Tesserino ha collaborato per varie testate giornalistiche seguendo il Giro d’Italia (per cinque edizioni), i Campionati del Mondo di SKI a Cortina, gli ATP FINALS di Tennis a Torino, i Campionati Italiani di Nuoto ed ha intrapreso, con passione e professionalità, dal 2019 a Collaborare con Calcio Femminile Italiano. Grazie a questa Testata ho potuto credere ancora di più a questo Movimento, sia nelle gare di Serie A che in Nazionale maggiore, ed a partecipare di persona all’ Argarve Cup ed ai Campionati Europei in Inghilterra. Ad oggi ricoprendo una carica di molta responsabilità, svolgo con onore questa mia posizione, portando ancora di più la consapevolezza di poter dare molto per lo sviluppo e la vibilità del Calcio Femminile in Italia e all’estero poiché lo merita per la sua continua crescita.