Photo Credit: Como Women

Il Como Women si prende anche il quarto test precampionato, vincendo per 15-1 sulla formazione americana della Western New England University.

Le “Golden Bears”, questo il soprannome dato negli Stati Uniti alla Western New England University, passano subito in vantaggio, quando al 5′ Lindsey, sugli sviluppi di calcio d’angolo, stacca più in alto di tutti e fa 1-0. Al minuto 13 Linberg batte il portiere con un destro ad incrociare e realizza il gol del pari. La stessa Linberg si ripete dopo soli tre minuti e, su lancio lungo di Beil, la norvegese segna il 2-1. Nel giro di dieci minuti arrivano due gol di Kubassova, entrambi con un lancio nello spazio, prima di Linberg e poi di Beil. Sul finire del primo tempo c’è spazio anche per Carravetta, su sponda di Rigaglia e di Beil, con un gran destro da fuori area all’incrocio. 

Il canovaccio non cambia nella ripresa. Perché ci sono tre gol, a testa, di Beccari e di Di Luzio, la rete di Picchi, con una conclusione ravvicinata di sinistro, Pavan, con un tiro cross, e di Sperduto, di testa. E la gara finisce 15-1 per il Como Women.
Abbiamo affrontato questa partita di allenamento come le altre che abbiamo giocato: pensando che è un test in più per preparaci all’inizio – ha detto l’allenatore del Como Sebastian de la Fuente sui canali ufficiali del club lariano – è stato buono, come anche gli altri e ci permette di continuare a lavorare per arrivare pronti all’inizio. Sabato avremo un ultimo test col Chievo Verona per preparare la prima con la Juve“.
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.