Credit: Mediterranea C5

Nel girone A di Serie B di futsal femminile a guadagnarsi l’accesso ai play-off, dopo la regular season, è stata anche la Mediterranea C5 che ha centrato il salto in Serie A grazie alla vittoria sulla Roma C5. A parlare in casa sarda della stagione appena conclusa è stata Alice Virdis, classe 2008, che sulla sfida conclusiva della loro annata ha sottolineato:

“Siamo arrivate a questo match molto cariche e motivate, per quanto mi riguarda era un sogno e non vedevo l’ora di giocare. È stata una gara molto combattuta, anche le avversarie erano molto motivate e ce l’hanno messa tutta per cercare di vincere. Una parola non basta per descrivere l’emozione provata nel salire in serie A: gioia, euforia e senso di appartenenza ad un gruppo fantastico che è riuscito a compiere un’impresa”.

Sulla squadra che disputerà la prossima stagione in massima Serie la calcettista aggiunge:
“Più che un quintetto parlerei dell’intera squadra. Tutte, sia chi ha giocato di più sia chi ha giocato di meno, hanno portato a questo magnifico risultato. Provengo dal calcio a 11 e sono approdata al calcio a 5 a settembre solo con l’idea di migliorare la mia tecnica”.

Virdis a riguardo continua: “Ho avuto invece la fortuna di entrare a far parte di una grande società, un grande gruppo che mi ha fatto crescere, appassionare a questo sport e provare la grande soddisfazione, non solo di vincere il campionato, ma anche di salire nella massima serie”.

Sui ricordi del 2023/2024 da poco concluso poi la giovane giocatrice confessa:
“Sicuramente porterò sempre dentro di me i bei momenti passati insieme alle mie compagne e ai miei mister e al di là delle decisioni future e della strada che faremo lì porterò sempre nel cuore. Abbiamo incontrato squadre di livello e quindi è stato ancora più bello per noi riuscire a vincerle quasi tutte”.

La chiusura è per un messaggio a compagne e tifosi:
“Vorrei dire grazie a tutti partendo dalla società per passare a tifosi, mister e compagne per la splendida ed indimenticabile esperienza vissuta insieme”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here