Ha accettato il trasferimento a 800 km da casa, lasciando le montagne del Trentino per approdare al mare della Puglia; valorizzata nelle fila dell’Isera con cui ha militato lo scorso campionato in serie C, si accinge a disputare il primo campionato nella massima serie con la maglia della Pink Bari. Presentiamo il nuovo acquisto biancorosso Chiara Groff, difensore centrale che fa del gioco con la palla a terra il suo punto di forza, pronta a lavorare al massimo per ben figurare nella nuova impegnativa ma affascinante realtà calcistica.

Ciao Chiara, cosa ti ha convinto ad accettare il trasferimento nella Pink Bari? Cosa conosci della società e della città pugliese?
“Quando ci si trova di fronte alla possibilità di avverare i propri sogni, non si può rinunciare nemmeno ad un trasferimento che mi porta a 800 km da casa. Sin da piccola ogni calciatrice coltiva l’ambizione di raggiungere la massima serie e quando mi si è presentata questa occasione non ho potuto rifiutare. Ho avuto fin da subito delle ottime sensazioni già dalla prima telefonata con presidente, allenatore e staff che mi hanno fatta sentire subito a mio agio e facente parte di un progetto e di un gruppo ambizioso che avrò modo di conoscere meglio non appena arriverò a Bari. Per me è una città nuova, non ci sono mai stata e perciò sarà una città tutta da scoprire”.

Quali sono le tue caratteristiche tecniche e i tuoi punti di forza? Sono un difensore centrale abbastanza tecnico.
Non amo lanciare la palla a caso, se non nelle situazioni di pericolo, ma preferisco cercare il gioco a terra con le compagne”.

Come è nata la tua passione per il calcio femminile? Come mai lo hai preferito rispetto ad altri sport?
Ho iniziato a tirare i primi calci fin da piccola insieme a mio fratello Luca. Dopo i primi due anni con una squadra di maschi sono passata alle giovanili del Trento femminile per poi fare 6 fantastici anni all’Isera dove ho trovato una grande famiglia a cui sarò infinitamente grata e che mi ha sostenuta nella mia scelta di venire a Bari, due squadre che tra le altre cose vestono gli stessi colori😉. Amo lo sport a 360 gradi e se avessi tempo mi dedicherei a tantissime altre discipline, ma il calcio e lo spirito di gruppo che crea hanno sempre avuto su di me una forte influenza a cui non sono mai riuscita a dire di no”.

Con quali prospettive ed ambizioni ti accingi ad affrontare il prossimo campionato? Ti senti pronta per affrontare questa sfida nella massima serie?
Il salto nella massima serie è qualcosa che non devo assolutamente sottovalutare, soprattutto per me che vengo da una realtà molto piccola rispetto ad altri campionati. Prima di tutto dovrò lavorare al massimo per raggiungere una buona condizione fisica e poi sfrutterò e imparerò tanto dall’esperienza delle mie compagne. Cercherò di portare il mio contributo alla squadra ma per ora il mio pensiero è : testa bassa e pedalare! Con l’impegno e la costanza si possono raggiungere belle soddisfazioni!”

Credit Photo: BarsportItalia.it

FONTEI Am Calcio - Bari
CONDIVIDI
Articolo precedenteDue certezze sotto la traversa del Brescia
Articolo successivoBarbara Bonansea comunica l’addio a Brescia
Mariano Ventrella
Mariano Ventrella, laureato in Giurisprudenza, collaboratore della redazione sportiva bari.iamcalcio.it, segue con particolare attenzione le squadre di calcio della provincia di Bari, dando risalto e visibilità al calcio femminile, occupandosi in particolar modo della Pink Bari, delle varie squadre rappresentative della nazionale italiana (Under 16, 17, 23) oltre che del futsal. E' stato anche inviato a bordo campo per i commenti e le interviste post gara per l'emittente televisiva Professione sport Tv durante la partita Pink Bari - Roma calcio femminile del 14/5/17. 

1 commento

  1. Grandissima Chiara una di noi ti auguro il massimo e quest’anno tiferemo tutti per te e per la pink bari

Comments are closed.