Photo Credit: Fabrizio Brioschi - PhotoAgency Calcio Femminile Italiano

La partita tra Como Women e Pomigliano, valida per la nona giornata della Prima Fase di Serie A, è finita col risultato di zero a zero. Un risultato che permette alle lariane di restare al quinto posto con quattordici punti, mentre le pomiglianesi rimangono penultime con cinque punti. Ma andiamo ad analizzare il match grazie ai dati fornitici da Panini Digital Soccer.

Partiamo dall’IVS, dove l’indice è a favore del gruppo allenato da Marco Bruzzano col 63%, mentre le pantere hanno ottenuto il 37%, ma anche sul possesso palla va a vantaggio delle biancazzurre con 27′:03″ e il 58% contro i 19′:41″  e il 42% delle granata. In fase difensiva le comasche sono avanti nella percentuale delle palle recuperate effettive (48,4 a 46) e nelle giocate in zona area dagli avversari (66-57), invece le campane hanno fatto meglio nelle percentuali per fine azione avversaria (25,4- 24,2), e nelle palle recuperate temporanee (28,6-27,4). Sul fronte offensivo il Pomigliano ha fatto molto sia nella percentuale di attacco alla porta (61,1-58,2) e nelle palle giocate in zona area (66-57), ma sulle conclusioni ha fatto di più il Como con 14 tiri, di cui 9 dentro l’area di rigore, rispetto ai 10, di questi 6 sono su azione, delle pantere.

Parlando dei flussi di gioco, il Como ha giocato 568 volte la sfera, effettuato 357 passaggi riusciti, ma entrando nel dettaglio Chiara Cecotti ha passato 49 volte la palla, e 10 li ha dati a Karlenas, mentre Danielle Cox ne ha ricevuti 45, di cui 11 provengono da Lundorf.

Invece, nel Pomigliano hanno l’hanno giocata 417 volte e passato la palla 210 volte, di cui 37 gli ha effettuati Martina Fusini e 32 gli ha ricevuti Ana Lucia Martinez.

Entrando nelle statistiche individuali, Chiara Cecotti vanta il miglior numero di palle giocate, ben 74, e nelle giocate utili (19), ma condivide con Fusini per il numero di palle perse (25), invece la centrocampista del Pomigliano ha recuperato in tutta la partita 23 volte il pallone. Infine, le lariane Mina Bergersen ha effettuato 6 assist, e Julia Karlenas ha concluso 4 volte, ma non ha trovato la via del gol. Così come non sono riuscite a segnare nei novanta minuti sia il Como che il Pomigliano.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.