Credit Photo: Alessandro Belli - Photo Agency Calcio Femminile Italiano

Cristiana Girelli, l’attaccante Juventina e della Nazionale Italiana, con la Super-Coppa  conquistata a Cremona con le bianco nere, sono 11 le Supercoppe conquistate in carriera (ben quattro con le Juventus Women): record assoluto, mai nessuna come lei.

Salita alla ribalta nel Bardolino Verona, ha proseguito la carriera con le maglie di Brescia prima e Juventus poi, assurgendo quale calciatrice italiana più vincente della sua epoca grazie a 9 Scudetti, 8 Coppe Italia e un record italiano assoluto di 11 Supercoppe italiane.

Considerata tra le migliori giocatrici a livello internazionale della sua generazione, sul piano personale vanta tre titoli di capocannoniere, uno nell’Algarve Cup (2020) e due nel campionato italiano di Serie A (2019-2020 e 2020-2021) oltreché, nel 2020 e nel 2021, la nomina a calciatrice dell’anno e l’inserimento nella squadra dell’anno al Gran Galà del calcio AIC. Nel 2022 è stata introdotta nella Hall of Fame del calcio italiano.

La numero ’10’ bianconera, con il successo in Supercoppa Italiana Femminile delle Juventus Women sulla Roma, è diventata regina assoluta della competizione. Infatti contro le giallorosse, Cristiana, reduce da un infortunio, ha cominciato la gara dalla panchina, entrando al 79′ al posto di Julia Grosso dando una mano alla squadra solo nei minuti finali della competizione.

 

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine dei Giornalisti di Torino, dopo il conseguimento del Tesserino ha collaborato per varie testate giornalistiche seguendo il Giro d’Italia (per cinque edizioni), i Campionati del Mondo di SKI a Cortina, gli ATP FINALS di Tennis a Torino, i Campionati Italiani di Nuoto ed ha intrapreso, con passione e professionalità, dal 2019 a Collaborare con Calcio Femminile Italiano. Grazie a questa Testata ho potuto credere ancora di più a questo Movimento, sia nelle gare di Serie A che in Nazionale maggiore, ed a partecipare di persona all’ Argarve Cup ed ai Campionati Europei in Inghilterra. Ad oggi ricoprendo una carica di molta responsabilità, svolgo con onore questa mia posizione, portando ancora di più la consapevolezza di poter dare molto per lo sviluppo e la vibilità del Calcio Femminile in Italia e all’estero poiché lo merita per la sua continua crescita.