Photo Credit: Fabrizio Cusa - Como Women

Questo è un ko troppo amaro da digerire per il Como Women che ha saputo tenere testa alla Fiorentina, dove questo 3-2 si è rivelato troppo indigesto, ma allo stesso tempo può dare un pizzico di fiducia in vista delle prossime gare.

E sono i primi minuti ad indirizzare il match sui binari viola grazie ai gol di Kajan e Longo, con quest’ultima autrice di una doppietta, due calciatrici che, con il massimo rispetto che abbiamo verso di loro, non hanno ancora segnato in campionato (in realtà Longo ha realizzato nel match di Coppa contro il Genoa). Ma sappiamo bene che le lariane sono dire a mollare e, preso il terzo gol nei primi minuti della ripresa, ha iniziato ad essere il vero Como, di quello che non vuole mollare e di quello che vuole dimostrare che è fatto per rimanere in Serie A. Karlernas prova a dare un po’ di pepe al match che si ravviva nei minuti finali, grazie alla marcatura di Beccari, segno che la numero nove comasca sta pian piano crescendo in un campionato difficile come la Serie A. Certo, nel finale la Fiorentina mette in campo tutta la sua esperienza per tenere suo il bottino pieno, e alla fine ci riesce.

Ecco perché il ko che ha subito ieri il Como contro la Viola è pieno di rammarico, perché le caratteristiche ce le aveva per fare un altro colpaccio, e sicuramente questa sconfitta deve servire di lezione alle ragazze di Sebastian de la Fuente per i futuri incontri, ma anche con gli scontri salvezza, che arriveranno.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.