Dopo la partita che ha visto l’ACF Arezzo essere sconfitta per 3 a 2 dall’Hellas Verona in trasferta a Verona, il mister granata Emiliano Testini ha espresso in una breve dichiarazione i suoi propositi per migliorare la prestazione della squadra.
Per tutta la durata della partita, il team ha dimostrato di essere competitivo e desideroso di portare a casa i 3 punti della vittoria.
Il proposito per questa settimana è di lavorare sugli errori commessi in modo da rafforzarsi, ripartendo da ciò che già era stato appreso di buono.

Mister nel post partita di Hellas Verona ACF, l’ACF esce sconfitta 3 a 2 però qualcosa da salvare in questa partita.
“Si sicuramente, poi si dice sempre che chi vince festeggia e chi perde spiega, quindi quando si perde poi c’è sempre qualcosa da spiegare. Quindi non ho tantissime cose da dire. Abbiamo giocato, secondo me, una buona partita. Abbiamo giocato contro una squadra forte, una squadra che purtroppo ci ha messo in difficoltà ma credo che nel secondo tempo abbiamo avuto un dominio territoriale quasi per tutto il tempo.
Poi abbiamo subìto un goal in una situazione particolare, però alla fine credo che le ragazze abbiano fatto una grande gara di cuore, di carattere, di tecnica di gioco.
Queste sono le cose importanti. Cercheremo di ripartire dalle cose buone, cercheremo di andare a lavorare sulle cose che abbiamo sbagliato.
Le responsabilità, come sempre quando non vinciamo, sono le mie.
Le ragazze devono essere serene e tranquille, devono continuare a lavorare, devono continuare su questa strada perchè di cose buone ce ne sono state tante.
Di cose meno buone, ci lavoreremo durante la settimana, ci prepareremo poi per la partita che verrà tra 15 giorni”.

Anche perchè l’ultima sconfitta in campionato dell’ACF risale a un più di anno e mezzo fa quindi una sconfitta dell’ACF è una notizia.
“Purtroppo si è una notizia, questo è il più grande rammarico e dispiacere da parte mia ma più che altro il dispiacere è per le ragazze perchè ho visto che ci hanno provato fino alla fine, a volte abbiamo sbagliato però ci hanno provato e ci hanno messo tutto quello che era possibile.
Ci siamo sistemate alla fine del primo tempo, abbiamo messo a posto un po’ di cose, la squadra è andata molto meglio, abbiamo fatto un ottimo secondo tempo e quindi per certi aspetti sono contento anche se abbiamo perso una partita che sicuramente lascerà un po’ di rammarico”.

Sono nata in provincia di Cagliari il 29/08/1992. Frequento l'università a Cagliari ad indirizzo pedagogico. La mia passione per il calcio è nata quando ho iniziato a seguire questo sport perchè mio fratello è un grande tifoso del Milan e io cercavo un punto d'incontro con lui. Ho iniziato a guardare le partite, e a comprenderne i meccanismi poi è arrivato quello femminile che mi ha conquistata al punto da sentire un po' mie anche le loro imprese.