L’undicesima giornata di Serie B ha emesso il nostro pagellone di questo turno: andiamo a vederlo.

PROMOSSI

Brescia
Le ragazze di Bragantini, dopo la sconfitta contro il Como, volevano nuovamente parlare coi tre punti, e lo hanno fatto con merito, perché non solo hanno ribaltato il Pontedera, ma hanno saputo resistere alla riscossa delle pontederine. Vittoria e terzo posto in B.

Como
Le lariane sono senza freni, vivono sull’onda dell’entusiasmo della vetta della Serie B, e il successo ottenuto in casa contro il Ravenna ne è stata la prova.

Cittadella
Non gioca da più di un mese e il ritmo partita avrebbe mandato ko il Cittadella, invece, contro ogni pronostico non solo hanno tenuto testa al Cesena, ma addirittura sconfigge sulla sirena le cesenati. Meraviglioso

Pomigliano
Ormai non ci sono più parole per descrivere questa squadra: partita per salvarsi le pantere hanno saputo rispondere con forza e orgoglio, e ora sono a giocarsi la Serie A. La conferma l’abbiamo avuta contro l’Orobica che, sotto di in gol, ha saputo reagire, portandosi a casa una bella vittoria.

Tavagnacco
Prova di forza quella messa a referto dalle gialloblù di Orlandi, capace di rifilare cinque gol al Perugia, in una partita che poteva creare qualche problema, invece il Tavagnacco l’ha chiusa senza problemi. e friulane ci sono per la A, e domenica contro il Como sarà un test importante.

RIMANDATI

Vicenza
Le vicentine hanno sofferto in un primo mento l’esuberanza del Chievo Verona, tant’è che poi si trovano sotto di due gol, ma hanno trovato velocemente riorganizzazione e reazione, consentendo di trovare, grazie alla doppietta di Edona Kastrati, un pareggio insperato quanto importante. Un punto dedicato a Paolo Rossi.

Ravenna
Il Covid-19 ha giocato un brutto scherzo alle ravennati, quindi, dopo un mesi di inattività era lecito aspettarsi che la condizione fisica non sarebbe stata ottimale. Così è stato, ma il Ravenna, col carattere, ha tenuto testa alla capolista Como. LE ragazze di mister REcenti possono ripartire da qui.

Chievo Verona
Di positivo c’è il punto dopo lo scivolone maturato nel recupero di giovedì contro l’Orobica, ma il Chievo aveva il match in pugno. Purtroppo è riuscito a rimettere in partita il Vicenza e questo pareggio, che ripetiamo è importante per far muovere la classifica, dà alle clivensi quel pizzico di rammarico di non aver portato a casa i tre punti.

BOCCIATI

Cesena
Sembra di vivere un’altalena con loro: fanno grandi partite e poi subiscono sconfitte clamorose, e col Cittadella ne è stata la prova. Il Cesena deve trovare continuità nei risultati, altrimenti sarà dura lottare per il vertice della cadetteria.

Orobica
Le bergamasche, più che lamentarsi dei presunti errori arbitrali, devono chiedersi come mai non sono state in grado di gestire il vantaggio costruito dal rigore di Zigic. Netto passo indietro per le ragazze di Marini che ora devono pensare a come restare in B.

Pontedera
Questa volta non posso appellarsi a nulla, perché le ragazze di Ulivieri, con la rete di Iannella, avevano in pugno un vantaggio importante, ma poi l’hanno sciupato clamorosamente. Tramonti ha provato a far rientrare in partita il Pontedera, ma il Brescia ha difeso bene.

Perugia
La partita col Tavagnacco non era quella adatta per fare punti, e infatti così è stato. Speriamo di vedere qualche arrivo dal mercato, altrimenti la salvezza diventa molto difficile.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.