Credit Photo: Tavagnacco

Il Tavagnacco, tramite una nota, ha ufficializzato due nuove calciatrici: si tratta di Sara e Giada Novelli, due gemelle originarie di Castelnovo Monti.

I due nuovi acquisti del vicepresidente Bonanni sono cresciute nel settore giovanile del Sassuolo. Per Sara, dopo la maglia neroverde, è arrivato il passaggio al Cittadella. Qui ha militato nelle ultime due stagioni, che sono state molto formative per la ragazza che compie il percorso inverso a Caterina Ferin e Sofia Kongouli, dirette in Veneto. Giada ha giocato un anno nella Roma Calcio Femminile. Prima del capitolo giallorosso, la centrocampista ha iniziato a giocare all’età di 6 anni con la squadra maschile del suo paese, il progetto Montagna, con cui ha continuato fino all’età di 15 anni. È poi passata alle squadre femminili partendo dalla Reggiana, poi diventata Sassuolo. Dopo 4 anni è andata un anno in prestito al Cittadella insieme alla gemella.

Sara, nuovo difensore gialloblù, ha rilasciato delle dichiarazioni sulla sua nuova avventura: “Tavagnacco ha presentato un bel progetto, mi hanno parlato molto bene di mister Recenti, possiamo fare un bel campionato. Mi piace giocare con i piedi, impostare da dietro. In marcatura riesco a tenere la concentrazione, ma posso migliorare ancora”.

Le fa eco la sorella Giada: “Hanno dimostrato di volerci inserire in un gruppo giovane. Ci hanno trasmesso fiducia e sono contenta di provare a raggiungere gli obiettivi prefissati: innanzitutto mantenere la categoria e poi provare a scalare qualche posizione in classifica. Io spero di crescere in tutto, mi piace agire in mezzo al campo da centrocampista centrale, distribuire palloni e palleggiare con le compagne. Adoro Xavi Hernandez per la sua capacità di far girare l’intera squadra e per la sua visione di gioco”.

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here