Credit Photo: Ternana
Credit Photo: Ternana

Dopo quelle di Imprezzabile e Rinaldi, sono arrivate nuove ufficialità in casa Ternana. Il primo arrivo è quello di Camilla Labate, centrocampista offensiva, originaria di Marino. La Classe 1999 arriva dalla Lazio e vanta anche 7 presenze ed una rete nella nazionale italiana Under 17. Dopo aver vestito la maglia giallorossa della formazione Giovanissime della Res Roma come prestito, Camilla Labate passa alla squadra che partecipa al Campionato Primavera di categoria e ottiene il primo scudetto Primavera della società. Inoltre, ha militato nel Sassuolo e nel San Marino, per poi passare alla maglia biancoceleste.

Il secondo arrivo è quello di Aina Torres, calciatrice dall’ampia esperienza nel bagaglio: la 30enne centrocampista spagnola, infatti,  ha militato, tra le altre, nel Barcellona e nell’Espanyol. Durante il calciomercato estivo 2019 sceglie un nuovo campionato estero, quello italiano, firmando un contratto che la lega alle baresi del Pink Sport Time, uno degli acquisti della società allo scopo di rinforzare l’organico in previsione della stagione entrante con la squadra ripescata in Serie A a completamento organico dopo la mancata iscrizione di ChievoVerona Valpo e Mozzanica. Scende in campo anche nell’unico incontro di Coppa Italia, quello che l’11 dicembre 2019 allo stadio Antonio Antonucci di Bitetto vede la Roma superare il turno solo ai tempi supplementari con il risultato di 2-0.

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.