Alle ore 14:30, in occasione della dodicesima giornata di campionato di Serie B Femminile, la Ternana Femminile affronterà in trasferta il Genoa Women. Fabio Melillo, allenatore delle rossoverdi, ha analizzato la gara e il momento della sua squadra a poche ore dal match. Di seguito, l’intervista rilasciata ai canali ufficiali del club:

“Mi aspetto di vedere quello che ho visto in queste sei partite, tutte vinte. Mi aspetto mentalità e determinazione. Siamo fermamente intenzionati a condurre un campionato ambizioso, di contro sappiamo che tutto passa attraverso un percorso che ci deve sempre far guardare gara per gara. Questo turno propone interessanti scontri diretti, potremmo approfittarne se otterremo un risultato positivo”. 

Che tipo di avversario sarà il Genoa?

“Il Genoa è partito un po’ tardi ma ora sta facendo bene. Ha dato filo da torcere a tutti, gioca in maniera propositiva e con uno spartito ben delineato. Da non sottovalutare il fattore ambientale perché freddo e vento condizionano le prestazioni. Quindi massimo rispetto ed attenzione. Mi aspetto comunque una squadra che ama giocare, non mi sembra un team che si chiude, anche per questo credo sarà una bella partita”.

Ritieni che la classifica si stia già delineando o è ancora troppo presto?

“E’ ancora presto, anche se alcune valutazioni si possono fare. C’è il mercato aperto e le squadre possono cambiare fisionomia. Credo, ad esempio, che risalirà il Brescia, anche se Lazio e Napoli restano le favorite”. 

Chiara Frate, attualmente iscritta al corso di laurea triennale in Mediazione Linguistica e Culturale, coltiva la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Attualmente è redattrice di SportdelSud, un giornale sportivo innovativo di partecipazione popolare che le ha offerto l'opportunità di mettersi alla guida di un progetto imprenditoriale nel settore della comunicazione. Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e sta imparando anche il portoghese. Sempre pronta a schierarsi a favore della parità di genere, il riscatto delle donne e l’impegno costante e instancabile verso un nuovo approccio culturale anche dal punto di vista sportivo.