phocredit: Chieti Calcio Femminile

In occasione dell’undicesima giornata di Serie C il Chieti Calcio femminile ha giocato in trasferta contro il Villorba vincendo la partita con il risultato di 2-1.
Le neroverdi sono scese in campo con quel cinismo, quella concretezza e quel carisma necessari per conquistare i 3 punti in classifica, e nei fatti, la loro prestazione è stata premiata dal risultato.

La formazione scelta dal mister Lello DiCamillo ha dato quelle certezze che ci si aspettava, con Gissi in attacco che, proprio durante la partita, ha trovato il primo gol della stagione.

Al termine del match, proprio Maylis Gissi artefice del gol che ha sbloccato la partita, ha commentato l’andamento del gioco.
Ha esordito dicendosi felicissima sia per la propria prestazione personale che per la squadra che ha portato a Chieti i tre punti della vittoria, preziosi per proseguire in maniera positiva la stagione. Vincere in trasferta, poi, ha dato una botta di adrenalina alla squadra che è riuscita a sbloccare quei meccanismi che rendevano difficoltoso, a livello emotivo, il gioco.
La gioia condivisa da tutti per il suo gol, per nulla scontata e che è indicativa di un gruppo solido e affiatato, è ciò che resta oltre l’ovvia soddisfazione di aver segnato.
Il campionato è lungo, e nonostante un inizio non brillante dovuto a problematiche esterne al campo oltre agli infortuni, c’è l’intenzione di restare concentrate sugli obbiettivi a breve e lungo termine (vincere le partite settimana dopo settimana, aver un buon posto in classifica).
Personalmente parlando, poi, intende continuare a segnare e dare il proprio massimo contributo alla squadra.

Queste nello specifico le sue parole:

“Sono molto contenta. E’ stata una vittoria molto importante, per i punti in classifica ovviamente, ma anche per la squadra. Vincere in trasferta stava diventando difficile, e aver vinto da una spinta importante al gruppo. Siamo riusciti a giocare come sappiamo, a trovarci negli spazi e a difendere la vittoria, soprattutto nel secondo tempo, con impegno, atteggiamento e sacrificio.
Essere riuscita a segnare, personalmente, è molto soddisfacente, ma soprattutto mi rimane la gioia genuina condivisa, gli abbracci sinceri per il gol. E’ una cosa che non si trova sempre nelle squadre ed è un piacere poterla vivere con il Chieti.
Il Campionato è lungo, anche se non abbiamo avuto l’inizio che avremmo voluto, abbiamo dovuto risolvere molti problemi esterni, infortuni e altro. Il gruppo è molto solido e unito. Nel calcio e soprattutto in questa categoria possono succedere molte cose, quindi sono molto concentrata su ciò che possiamo ottenere come squadra continuando su questa strada. Credo fermamente che abbiamo molto da dare, indipendentemente dagli avversari. È lì c’è il mio obiettivo, spero di segnare più gol ma soprattutto di continuare a dare il massimo per la squadra”.

 

Sono nata in provincia di Cagliari il 29/08/1992. Frequento l'università a Cagliari ad indirizzo pedagogico. La mia passione per il calcio è nata quando ho iniziato a seguire questo sport perchè mio fratello è un grande tifoso del Milan e io cercavo un punto d'incontro con lui. Ho iniziato a guardare le partite, e a comprenderne i meccanismi poi è arrivato quello femminile che mi ha conquistata al punto da sentire un po' mie anche le loro imprese.