La scozzese gioca per l’Arsenal ed è internazionale con il suo paese. L’anno scorso, nel bel mezzo di una pandemia, gli è stato diagnosticato un cancro al seno che ha superato e continua a giocare.

Jen Beattie è una di quelle eroine senza mantello né spada che la vita ha messo alla prova e ha saputo andare avanti. Fu il fatidico 8 ottobre 2020 che Jen ricevette la notizia: aveva un cancro al seno. Nel bel mezzo della pandemia, Beattie ha notato un nodulo non normale al seno ed è andata dal medico. Non voleva far passare altro tempo nonostante la paura di contrarre il COVID. “Ho amici che lavorano all’interno del NHS (English Social Security) e mi hanno detto che il numero di pazienti con diagnosi di cancro è diminuito in modo massiccio, perché le persone avevano paura di entrare a causa del Covid, erano apprensioni e avevano enormi ansie per andare agli ospedali, cosa che posso comprendere appieno”, ha dichiarato in un’intervista a The Guardian poco dopo la diagnosi. Il suo scopo era sensibilizzare non solo le donne, ma tutti.

“L’idea di parlare, in definitiva, era quella di aiutare altre persone. Quando le persone mi scrivono dicendo: ‘Non avevo la fiducia, ma ora ho preso appuntamento con il mio medico di base, grazie mille per aver parlato up’ … che per me significava assolutamente tutto “, ha detto. Un cancro, che fortunatamente non era cresciuto troppo grazie alla sua rapida diagnosi.

Beattie, infatti, ha deciso di continuare con la sua vita normale, allenarsi con le sue compagne di squadra e non lasciare da parte il calcio.

Continua a giocare per segnare un gol per il cancro al seno.

Durante il processo di recupero, oltre al trattamento con radiazioni, ha subito un intervento chirurgico per rimuovere il nodulo. Lì si rese conto dell’importanza di non esitare ad andare dallo specialista. Il cancro non si era diffuso nel suo corpo e non avrebbe dovuto sottoporsi a chemioterapia. Oggi usa il calcio come terapia.

Tre giorni dopo la diagnosi, Beattie ha giocato nella vittoria dell’Arsenal contro il Brighton segnando un gol. “Sento che la celebrazione di quell’obiettivo riassume l’intera esperienza e il modo in cui i miei compagni di squadra hanno reagito a tutto questo. Sono stati incredibili e molto positivi, facendo domande ed essendo lì”, ha spiegato. Ma il suo grande giorno è arrivato nel duello tra Arsenal e Manchester City, la sua ex squadra.

Era il 13 dicembre e Jen è entrata negli spogliatoi e ha visto le maglie di riscaldamento adornate con il suo nome e numero in rosa. “È stato travolgente, a dir poco”, ha rivelato. Non era solo l’Arsenal, il City si è unito al tributo con le stesse maglie.

“Quello che hanno fatto i club quel giorno è stato fantastico. Vedere il numero cinque in rosa ovunque è stato un momento molto, molto surreale, ma speciale allo stesso tempo. Sono entusiasta di pensarci, perché, ancora una volta, mostra lo spirito della comunità all’interno del gioco “, ha detto Jen eccitata. Il calcio è stato uno dei suoi migliori trattamenti, come racconta lei stessa su The Guardian: ” Il principale effetto collaterale della radioterapia è l’affaticamento, ma l’esercizio fisico può aiutare. Quindi, nel 2021, volevo solo concentrarmi sul calcio e liberarmi del confinamento., per poter vedere gli amici e la famiglia al più presto, perché davvero non sono stato in grado di elaborarlo con tutti, e questo è stato difficile. Sembra una decina di anni fa, ma sono solo quattro mesi e in realtà lo sto ancora elaborando nella mia testa: “Il suo trattamento di radioterapia è terminato prima di Natale. Come un altro regalo. “Non appena il trattamento è terminato, sono stato io. Forse è questo il calciatore che c’è in me: aspetti il ​​giorno dopo, ti svegli e te ne vai. Vorrei poter passare più tempo con la famiglia, il Covid non ha affatto aiutato quella situazione. Ma molte persone si trovano nella stessa situazione o in situazioni molto peggiori”, ha spiegato :”Quindi devo essere grato che anche per quanto riguarda le piccole cose posso alzarmi e andare al lavoro. È stato enorme per me mentalmente essere in grado di farlo e affrontare quello che stava succedendo”.

“Sono molto contenta di essermi allenata e giocato durante l’intero processo, perché mi ha aiutato in così tanti modi mentali e fisici ad avere un approccio diverso”, aggiunge:

“La paura è qualcosa di innato e, come sarebbe successo a tutti noi, anche Beattie sentiva che il mondo si stava avvicinando a lei quando ha sentito la parola cancro: “Sarò onesto, pensi automaticamente il peggio. Ho fatto la domanda : Sto per morire? panico totale e incredulità e avevo paura. Questo è stato il fattore prevalente durante l’intero processo. Se hai 29 o 79 anni, non ha molta importanza e potresti doverlo affrontare in qualche punto. sano possibile, ma devono ancora andare a controllare queste cose e avere una reale consapevolezza di cosa sta succedendo nei loro corpi.”

Un esempio che la prevenzione e l’individuazione rapida sono fondamentali affinché il cancro non ti cambi la vita.

Beattie continua a giocare per l’Arsenal e continua ad essere un giocatore chiave nella sua nazionale, conducendo una vita normale, come quella di qualsiasi calciatore.

Il cancro al seno non l’ha fermata, ma soprattutto perché non ha esitato a chiedere aiuto al minimo sintomo.

Questo messaggio, questo passaggio di vita “vera” deve essere preso come un appello a tutti perché il calcio e lo sport è fantastico, ma ancora più bella è la “vita”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.