Jill Scott la leggenda Inglese, dopo 35 anni di carriera, appende le scarpe al chiodo.

Jill che iniziò a dare calci ad un pallone all’età di 18 anni ha giocato per Manchester City, Everton, Sunderland e Aston Villa ed ha vinto Euro 2022 con le Leonesse, coronando il suo sogno, nella sua ultima partita da professionista.

Jill Scott, è la seconda giocatrice con più presenze dell’Inghilterra femminile, ha annunciato il suo ritiro dal calcio all’età di 35 anni.

La decisione arriva dopo che il centrocampista faceva parte della rosa dell’Inghilterra che ha vinto Euro 2022 il mese scorso.

La giocatrice ha concluso 161 presenze con le Lionesses e ha segnato 27 gol, vincendo anche il titolo di Super League femminile e quattro FA Cup femminili.

Scott  nel Players’ Tribune, ha dichiarato : “ Niente facce tristi, poichè oggi annuncio il mio ritiro dal calcio giocato, e quindi tutte noi faremo una grade festa.!! Ci siamo divertite troppo per piangere. Se mi avessero detto che avrei giocato per l’Inghilterra per 16 anni, quando ho iniziato sul quadrate di gioco, non ci avrei creduto: ed invece ho visto con i mei occhi 90.000 persone stipate allo stadio di Wembley per una finale europea femminile. E questo che poteva anche essere visto come “ Impossibile”, si è visto. Giusto, non stiamo quest’oggi piangendo, e me ne vado con una medaglia d’oro che mi oscilla dal collo, e questo è molto importate. Il mio sogno si è avverato”.

Scott che aveva ha iniziato la sua carriera con la città natale di Sunderland prima di trascorrere sette anni all’Everton e poi unirsi al City nel 2013. In seguito ha avuto periodi di prestito all’Everton e all’Aston Villa. Ha vinto tutti gli onorificenze nazionali durante il suo periodo nel gioco, incluso il titolo di Super League femminile con il City nel 2017.

Altri momenti salienti della carriera includono la vittoria dell’Inghilterra contro l’Olanda nelle semifinali di Euro 2009 e anche la vittoria della finale di FA Cup femminile del City 2017 sul Birmingham. Ha anche rappresentato la Gran Bretagna alle Olimpiadi del 2012 e ha ritardato le Olimpiadi del 2020.

Infine ha collezionato quattro presenze da sostituta nella trionfale campagna inglese di Euro 2022, inclusa la finale contro la Germania.

L’allenatore dell’Inghilterra Sarina Wiegman ha detto che alle Leonesse mancherà la presenza di Scott, ma insiste che l’ex centrocampista ha ancora molto da offrire al gioco nei suoi giorni dopo il calcio professionistico.

Devo congratularmi con Jill per una carriera molto speciale”, ha detto la CT inglese “Sono così felice che sia riuscita a chiudere con un ricordo così positivo. Sarà difficile immaginare una squadra inglese senza di lei perché è stata un’icona della squadra per così tanto tempo. Rispetto la sua decisione, ma ci mancherà sicuramente il suo impatto positivo dentro e fuori dal campo. Poter giocare ai massimi livelli per così tanto tempo ti dice quanto sia stata brava una giocatrice Jill e la sua storia è positiva esempio che altri continueranno a seguire. Ha ancora molto da offrire, quindi spero che non sarà persa nel calcio femminile in futuro, qualunque sia il ruolo. È una persona molto speciale, e anche se è stato solo per un breve periodo, Mi sento privilegiato per aver avuto la possibilità di lavorare con lei”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.