Quando la prossima FIFA Women’s World Cup™ prenderà il via nel 2023, si avvicinerà mezzo secolo da quando la Nuova Zelanda ha schierato la sua prima squadra nazionale femminile. Risaliva l’anno 1975, quando le Football Ferns hanno debuttato in quella che poi sarebbe diventata l’AFC Women’s Asian Cup.

Il primo capitano della Nuova Zelanda, Barbara Cox ripercorra con FIFA.com i primi passi dalla fondazione della New Zealand’s Women’s Soccer Association che ha incluso in un’unica istituzione le tre associazioni di Auckland, Wellington e Canterbury.

“Il nostro primo lavoro era raccogliere fondi. Un [metodo] era entrare nei pub dicendo ’20 centesimi per un bacio’, e un altro era letteralmente camminare su e giù per la strada con una scatola che diceva ‘potresti donare soldi per favore’. Eravamo circa quattro di noi che hanno raccolto un po’ di soldi in quel modo. Allora non c’erano così tante opportunità per raccogliere fondi. Abbiamo anche fatto il lavaggio delle auto“.

La Nuova Zelanda ad Hong Kong si è distinta bene vincendo il torneo. Difatti, al ritorno in madrepatria stampa, TV, radio erano presenti in aeroporto. Nonostante ciò, a livello culturale c’erano ancora molte barriere.

“Il calcio sta andando a ruba” o “Il calcio non è signorile per delle donne”, erano frasi molte comuni a quel tempo.

“Ma allo stesso tempo c’erano molti uomini che ci hanno aiutato. Questo è stato inestimabile perché ovviamente non c’erano donne che avevano esperienza di coaching. È stato fantastico, e quindi da una parte c’erano uomini che volevano davvero aiutare, e poi altri che non ci volevano da nessuna parte vicino a loro”, ha affermato Cox.

Il marito di Barbara Cox, Roy, che giocava a calcio giovanile per il Brentford e il Queens Park Rangers, ha contribuito a mettere insieme la prima squadra femminile nel suo club Mt Eden ad Auckland. Entrambe le figlie della coppia, Michele e Tara, hanno giocato per la Nuova Zelanda.

“L’Under 17 Women’s World Cup del 2008 tenutasi in Nuova Zelanda ha cambiato la mentalità delle persone – per lo più maschili – sul fatto che le giovani donne possono giocare così bene. E penso che [nel 2023] le persone rimarranno scioccate da quanto sia alto lo standard”.

“Il calcio femminile in Nuova Zelanda è stato uno sport in grande crescita negli ultimi 10-15 anni e per le ragazze e le donne vedere i loro modelli di ruolo dal vivo in azione significa che il 2023 è una fantastica opportunità per ispirarle e far crescere ulteriormente lo sport. Il calcio è ormai praticamente normalizzato come sport per le donne. Ci è voluto molto tempo, ma penso che la Coppa del Mondo lo porterà a un altro livello. Non sarei sorpresa se molti soldi arrivassero allo sport femminile, sia in Australia che in Nuova Zelanda, dopo questo Mondiale”.

Credit Photo: https://www.fifa.com/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here