Finalmente ci siamo, domenica scenderà in campo la nostra Nazionale per dare inizio proprio al Mondiale 2019 di Francia. Prima partita del girone, vede l’Italia scontrarsi con la formazione più solida e alta di ranking tra le tre squadre che incontreremo nella prima fase. Nel ranking FIFA infatti, l’Australia occupa la 6° posizione, con l’Italia che si attesta al 15° posto, in salita dopo i buoni risultati recenti.

Formazione australiana che si affida alla maggiore esperienza e risultati ai Campionati Mondiali, che le ha viste arrivare ai quarti di finale nelle precedenti 3 edizioni (2007 – 2011 – 2015) e che pertanto arrivano a questo torneo con l’obiettivo del passaggio turno come prima classificata e del superamento dei precedenti piazzamenti.

La selezione australiana è guidata da Ante Milicic, ex attaccante australiano che ha militato in varie formazioni in patria oltre a 4 in formazioni europee (NAC Breda e Rijeka) e ottenuto 6 presenze in Nazionale. Come allenatore, prima di guidare la Nazionale, ha allenato squadre di club tra Sydney e Melbourne, per poi approdare nelle Nazionali giovanili ed infine nella selezione maggiore.

Analizzando le ultime partite dell’Australia del 2019 vediamo come abbiano disputato le prime gare con un 4-3-3, contro formazioni (esclusa Argentina) di ranking simile a quello della nostra Nazionale, ottenendo risultati positivi: Nuova Zelanda (ranking 19° – risultato 2-0), Corea del Sud (ranking 14° – risultato 4-1) e Argentina (no ranking – risultato 3-0). Il reparto d’attacco, formato da Kerr-De Vanna-Raso, con gli inserimenti di Gielnik e Foord, è il motore principale della formazione australiana. Inoltre puntano molto ad ottenere la supremazia nel possesso palla, terminando la gara con valori spesso vicini al 60%.

Nelle due recenti amichevoli internazionali contro Stati Uniti e Paesi Bassi, due formazioni di ranking elevato e simile all’Australia, Milicic ha provato anche altri moduli. Contro la formazione statunitense ha schierato un 4-4-2, inserendo De Vanna come esterna di centrocampo sinistra, in modo da supportare il centrocampo ed avere più copertura senza disdegnare rapide ripartenze. Questa soluzione ha portato al risultato di 5-3 contro la migliore formazione al mondo, mandando in rete De Vanna, Foord e Kerr ed ottenendo sempre un 53% di possesso palla.

Nell’ultima gara persa 3-0 contro i Paesi Bassi, abbiamo visto ancora un altro modulo, questa volta però con risultati non ottimali. E’ stato scelto un 4-1-4-1 con Foord e Raso ad affiancare le due centrocampiste, mantenendo Van Egmond più arretrata davanti alla difesa per contrastare il gioco delle trequartiste olandesi. Questo modulo ha permesso un grande possesso palla alla formazione australiana (57%), ma non ha garantito gli sbocchi offensivi necessari per impensierire seriamente la difesa olandese, nonostante i numerosi tiri (15).

Contro la nostra formazione si potrebbe prevedere l’utilizzo del più classico 4-3-3 in modo da sfruttare tutto il potenziale d’attacco e portare problemi, da subito, alla nostra linea difensiva con il peso offensivo guidato da Kerr (25 anni 3 31 gol in Nazionale) in primis ed il supporto della capocannoniera della formazione De Vanna (34 anni e 47 gol in Nazionale) oltre ad una tra Raso, Gielnik e Foord. Questo modulo lascia però a centrocampo più spazi che una formazione come quella italiana, abile tecnicamente e rapida sulle fasce, può sfruttare saggiamente. In alternativa potrebbero optare per un più conservativo 4-4-2, visto contro USA e puntare sulla fisicità e sulle ripartenze esterne, inserendo De Vanna o Raso come esterne di centrocampo. Quest’ultimo modulo potrebbe essere adottato anche in caso di vantaggio australiano così da essere più coperte e proteggere il risultato.

Indubbiamente cercheranno di fare la partita da subito e l’Italia dovrà essere brava e paziente ad approfittare di ogni spazio lasciato, specie a centrocampo e tra le linee, cercando di colpirle con ripartenze rapide ma ragionate, smuovendo e attirando il centrocampo avversario (specie se a 3) per agevolare gli inserimenti delle nostre esterne e mezzali.

Primo appuntamento per domani 09/06/2019 alle 13 italiane per l’esordio della nostra Nazionale Italiana contro Australia.

Versatile ed eclettico, seguo con passione e dedizione ogni progetto al quale mi dedico. Pronto a raccogliere ed affrontare le sfide professionali che si configurano con tutta l'attenzione e la dedizione possibile, sempre con la massima positività. Attento alla gestione di gruppi di lavoro con la convinzione di portare benefici e risultati alle mie attività professionali.