L’Estádio Algarve è stato progettato nell’estate del 2000 in conformità con gli standard UEFA e FIFA da Populous per il campionato UEFA Euro 2004 ospitato in Portogallo.

Il team di progettazione comprendeva ingegneri WS Atkins e partner locali, tra cui Marobal. Il design è di natura regionale, allude alle tradizioni marittime del Portogallo e si armonizza con il caratteristico paesaggio locale della regione dell’Algarve. Lo stadio è considerato un modello di stadio a uso flessibile piccolo/regionale per il calcio e altri eventi sportivi e culturali, essendo uno degli stadi più utilizzati in Portogallo, rispetto ad altri utilizzati solo per le partite della principale lega di calcio portoghese.

Dal 2004 al 2013,Louletano ha condiviso lo stadio con lo Sporting Clube Farense . Dal 2004, l’Estádio Algarve ha ospitato diverse partite della nazionale di calcio portoghese . Ex casa di Farense e Louletano poco dopo la sua inaugurazione, lo stadio ha anche ricevuto alcune partite dell’Olhanense e del Portimonense durante i lavori di ristrutturazione dei rispettivi stadi poiché anche quelle squadre provengono dalla regione dell’Algarve. L’Algarve Stadium ospita anche la partita finale dell’Algarve Cup , un importante torneo internazionale annuale di calcio femminile .

Lo stadio ha ospitato il torneo inaugurale dell’Algarve Challenge Cup il 22 e 24 luglio 2008 che ha visto in azione Cardiff City , Celtic , Middlesbrough e Vitória de Guimarães . Il Cardiff City è stato l’eventuale vincitore del torneo con vittorie su Celtic e Vitória.

L’Estádio Algarve è stato anche la sede temporanea della squadra nazionale di calcio di Gibilterra intorno alla metà degli anni 2010.

Per la 28° edizione della “Algarve Cup” in questo stadio verranno disputate le gare tra: Svezia-Danimarca (Venerdi ore 17) e Portogallo-Svezia (Domenica ore 17). Ma sopra tutto la gara che per noi vale l’accesso alle fasi finali: Italia contro la Norvegia.

I precedenti storici tra le due Nazionali vedono la sconfitta dell’Italia, per 3 a 2 ai supplementari, ai quarti di Finale dei Mondiali del 1991; un’altra sconfitta azzurra si vede alla Finale per Euro 1993: dove la Norvegia vice il titolo grazie ad un 1 a 0 a Cesena.

Due anni dopo, ad Euro 1995 a Oslo, nei play off veniamo nuovamente eliminati per 4 a 2 (reti di Rita Guarino e Carolina Morace). Ci prendiamo la rivincita solo nel 1997, negli Europei a Lillestrom dove finì 2 a 2 (reti di Morace e Patrizia Panico).

Ma venendo nello specifico della competizione Portoghese, all’Argarve Cup del 2004, la Norvegia vince 3 a 0 ad Olhao la prima gara di apertura. Altre due sconfitte (per 1 a 0 in andata ed 2 a 1 al ritorno) nel 2007, per le qualificazioni Mondiali del 2007.

Sempre nel prestigioso trofeo del 2008 veniamo nuovamente superati per 4 a 2 (reti di Melania Gabbiadini e Patrizia Panico).

Adesso sarà l’ora della rivalsa: la Danimarca vista contro il Portogallo, sebbene molto fisica, è sembrata stanca e poco precisa sotto porta. Occorre la gara perfetta e che, si spera, la nostra Nazionale si riprenda finalmente la sua rivincita in “questa edizione”!

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.