Credit Photo: Andrea Amato

L’Italia a Belfast, contro l’ Irlanda del nord, non trova il tanto atteso riscatto: dopo le ultime due sconfitte in amichevole contro il Brasile e l’ Austria.

Milena Bertolini perde anche questa terza gara, un 1 a 0 contro le modeste Irlandesi, numero 49° nel Ranking Fifa, per chiudere un 2022 ricco di polemiche e di risultati poco soddisfacenti che entrano in scia all’Europeo Inglese.

Una gara che forse avrà fornito indicazioni alla CT, per trovare il giusto equilibrio in una Nazionale in continuo ringiovanimento, ma che non soddisfa nessuno e genera ancora troppe perplessità sia sul modulo utilizzato che sulla formazione.

Un 3-5-2 che ha visto Giuliani tra i pali; Bartoli, Filanngeri e Boattin in difesa; la novità “viola”con Cafferata in centro campo con Simonetti, Giuliano, Cernoia ed Glionna; ed in attacco la coppia bianconera composta da Girelli e Bonansea per un primo tempo che non ha prodotto reti, con due squadre molto quadrate sui loro schemi e poco aperte, con le nostre azzurre che non riescono a creare azioni pericolose e subiscono i contropiedi delle avversarie. Tanto carattere per le nostre ragazze, ma con poche idee e con poca convinzione di tenere palla a terra e giocare con la compagna al fianco, che hanno penalizzato la prima frazione di gioco.

Nell’ inizio ripresa non troviamo gli spazi giusti poiché l’Irlanda pressa bene e gioca con più caparbietà, l’ingresso di Sofia Cantore (al posto di Barbara Bonansea) non cambia la costruzione del gioco azzurro. Sebbene queste amichevoli servono per capire le giuste combinazioni di gioco le nostre ragazze non sono riuscite ad uscire palla al piede ed a mettere in difficoltà le avversarie, anzi, il difensore McFadden (la veterana Irlandese con più presenze in campo) ci fa male, grazie ad un clamoroso errore in fase difensiva, e bucando Giuliani porta l’ Irlanda del Nord in vantaggio.

Il nostro modulo iniziale viene modificato (ad 4-3-3) con l’ingresso di Giacinti, Caruso e Linari  provando a fare girare il gioco ed a provare di più le spinte sulle fasce. Nel finale, nonostante qualche lampo di gioco dell’ Italia, è Elena Linari a salvare dal raddoppio per le padrone di casa che tengono alto il gioco dimostrando tanto carattere.

Termina il test amichevole e finisce con un risultato poco positivo per la nostra Nazionale con la terza sconfitta, su tre gare, e con tanto lavoro da svolgere se si vuole andare con qualche speranza ai prossimi Mondiali in Australia.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here