Christine Sinclair festeggia con le sue compagne di squadra: il Canada, dopo aver sconfitto la Svezia ai rigori nella finale di calcio femminile durante le Olimpiadi estive di Tokyo a Yokohama, in Giappone.

Christine era convinta che il calcio femminile canadese avesse il potenziale per salire sul podio olimpico. Semplicemente non pensava che nella sua carriera, in questo punto definito storico, gli facesse ancora vivere il momento in prima persona.

La Sinclair non potrebbe essere più felice, 38enne capitano canadese, lei ed i suoi compagni di squadra hanno abbattuto la Svezia in un’avvincente finale che si è conclusa venerdì con un rigore ai rigori per vincere l’oro ai Giochi. “Quando ho iniziato a giocare con la nazionale, stavamo perdendo contro gli Stati Uniti per 9-0″, ha detto Sinclair. “Era, tipo, la norma. E per far parte di questo gruppo ora in cima al podio, onestamente, non avrei mai pensato di far parte di quel gruppo. Pensavo che il Canada ne fosse capace ad un certo punto, ma ne sono felice, ed è successo”.

Alla nativa di Burnaby, a.C., dopo la partita gli è stato chiesto se fosse l’ultima volta che indossava la Maple Leaf rossa. “No non lo è.” Di sicuro? “Almeno abbiamo un tour di vittoria”, ha detto Sinclair, il capocannoniere di tutti i tempi nel calcio internazionale femminile con 187 gol in 304 presenze. “Non ci ho pensato, non prenderò una decisione per gioia o dolore, a seconda di come è finito questo torneo. “Non lo faccio mai.” Sinclair, che ha portato il Canada al bronzo alle Olimpiadi di Londra nel 2012 e di nuovo quattro anni dopo a Rio de Janeiro, ha preso una botta durante i suoi 86 minuti di azione nella finale all’interno di un soffocante stadio internazionale di Yokohama, dove le temperature erano di 33 ° C con tantissima umidità al calcio d’inizio .

Si è rialzata numerose volte, anche dopo aver vinto un rigore nel secondo tempo che Jessie Fleming ha segnato – proprio come ha fatto nella vittoria per 1-0 in semifinale del Canada sui potenti americani – per pareggiare con il punteggio di 1-1.

Ma con le gambe che iniziano a mostrare la loro età in condizioni soffocanti, Sinclair è stata sostituita all’ 86 ° minuto e da lì avrebbe svolto il ruolo di “cheerleader e motivatore”: ha abbracciato Jordyn Huitema, che l’ha sostituita in campo, ha lavorato per massaggiare il fastidioso polpaccio sinistro di Fleming prima dei tempi supplementari e ha portato acqua ai suoi compagni di squadra.

Qualsiasi cosa per ottenere la vittoria.

E lei era lì per sostenere i giovani che portano la torcia – molti dei quali ispirati alle gesta eroiche del passato della Sinclair – . “Ha le nostre spalle”, ha detto la centrocampista canadese Julia Grosso, la ventenne subentrata di Vancouver che ha segnato il rigore della vittoria nel sesto round dei rigori. “Volevo vincere questo soprattutto per lei. Christine ha cambiato il gioco del calcio per tutto il nostro paese, a lei va il nostro più caloroso: GRAZIE”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.