Gara dalle mille emozioni e mille sfaccettature, da una parte Christine Sinclair, 38 anni e veterana di cinque Mondiali femminili FIFA e quattro Olimpiadi con il suo Canada, non ha mai giocato la finale di un grande torneo mondiale. Fino ad ora, cioè. Dopo due bronzi consecutivi a Londra 2012 e Rio 2016, ora ha la possibilità di aggiungere una lucentezza dorata alla sua gloriosa carriera. “Il primo compito è finito per noi: cambiare il colore della medaglia”, ha detto Sinclair dopo aver rivendicato “una piccola vendetta” contro i vecchi nemici degli Stati Uniti in semifinale. “Ora che siamo in finale: ci andiamo!”

Ha segnato più gol in nazionale di chiunque altro – di entrambi i sessi, di qualsiasi nazionalità – nella storia del calcio.

Anche se Sinclair si distingue, è tutt’altro che l’unico venerabile veterano impostato per un ruolo di primo piano. La compagna di squadra Sophie Schmidt, 33 anni, ha mostrato l’esperienza maturata in 16 anni e oltre 200 presenze in nazionale, mentre Stephanie Labbe (34) ha compiuto gesta eroiche in porta.

Anche la Svezia è stata costruita attorno a un nucleo influente ed esperto, con la 36enne capitana Caroline Seger , detentrice del record di presenze in Europa, una forza di controllo fresca e di classe a centrocampo. E mentre Hedvig Lindahl (38) ha abbagliato a Rio, questa Olimpiade – la sua quinta – potrebbe essere ancora migliore.

Mentre questi sostenitori continuano a sfidare gli anni che avanzano, è anche chiaro che una generazione più giovane di svedesi e canadesi sta fiorendo sul grande palcoscenico.

I giocatori interessati ricordano che, per dare un’occhiata alle future stelle del gioco, i tornei giovanili della FIFA rimangono il posto dove guardare. Stina Blackstenius, ad esempio, la miglior marcatrice svedese qui in Giappone, era in testa alla classifica dei marcatori anche cinque anni fa alla Coppa del Mondo FIFA Under 20 femminile, in Papua, nella Nuova Guinea.

Jessie Fleming, l’eroina del Canada nella vittoria in semifinale sugli Stati Uniti, è un’altra celebre laureata, avendo recitato in due eventi a livello di età nel 2014: la Coppa del Mondo femminile FIFA Under 17 in Costa Rica e l’evento Under 20 a casa sua nazione.

Fleming affronterà un’avversaria che conosce davvero bene: il suo capitano del club, Magdalena Eriksson . “Sono stata in contatto con Jessie dopo la prima vittoria del Canada. E le ho scritto: ‘Spero di vederti in finale'”, ha detto lo skipper del Chelsea. “All’epoca era più uno scherzo, ma sono così felice che si sia avverato. È stato fantastico vederla disputare un torneo così bello perché Jessie è una ragazza incredibilmente laboriosa e si merita davvero tutto ciò che ha ottenuto”.

Queste squadre, ovviamente, si sono incontrate nell’ultimo grande torneo internazionale: la FIFA Women’s World Cup 2019.

Forse ricorderete che, in quell’occasione, furono due giocatori agli estremi opposti dello spettro dell’esperienza a fare la differenza per la Svezia: Blackstenius con l’unico gol e Lindahl con un brillante rigore parato per contrastare Janine Beckie.

Il portiere veterano ha parlato al momento di beneficiare di una profonda conoscenza di Beckie e delle sue preferenze sui calci piazzati. Ma con la perfetta vincitrice della semifinale di Fleming che si è sicuramente assicurata la sua posizione ai rigori, Lindahl avrà un successo simile se dovesse verificarsi la stessa situazione?

Il duello sarà avvincente, e segnerà un altro tassello della storia, non ci resta che assistere a tale evento.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.