I cori proseguono in campo, nella fredda serata di Torino scaldata come una sera d’estate dalle ragazze bianconere, e poi continuano nel corridoio: non terminano più, anche per Pauline Peyraud Magnin che è “eletta, da tutto il gruppo, come l’artefice di questo successo”.

La numero uno viene a sedersi, per le domande di rito, ma viene sommersa da tutta la sua squadra che l’accompagna con un coro da stadio e la festa continua. Sicuramente giusto, per un attimo il formalismo ed il protocollo societario bianco-nero viene messo da parte poichè queste ragazze hanno scritto la storia.

Una storia che fà bene a tutto il movimento, dirà poco dopo il tecnico Montemurro: “cosa abbiamo combinato? dichiara Joe,  Credo che abbiamo fatto un grande passo in avanti, per fare capire la crescita del calcio italiano al mondo e il calcio femminile italiano è a un punto abbastanza importante”.

“Adesso è il momento di valutare il lavoro che è stato fatto, con l’introduzione di nuove idee,  e le ragazze hanno capito il metodo e si può prendere anche questa sera come esempio, che non è stata una grande partita poichè abbiamo sbagliato tantissimo tatticamente, però nonostante la stanchezza (ripeto è la prima volta che le mie ragazze giocano ad un ritmo così sostenuto in Campionato, Coppa e Champions) il risultato è stato raggiunto. Ora dobbiamo alzare la qualità, ed alzare ancora il livello, d’intensità e di capire che da adesso riparte il percorso tra le migliori d’Europa”.

“Secondo me la Champions è tutta sulla base di risultati:  le ragazze hanno creduto a questo concetto ed sulla mia base di gioco, con le mie decisioni di cambiare il modulo anche in funzione alle varie partite, se vi era un punto dove si doveva difendere campo e risultato sono state brace a capire dove e perchè sfruttare l’occasione. Il gruppo è compatto, e ci crede, il nostro è un equilibrio importante e si è visto”.

Questa sera è stato scritto un traguardo sicuramente  importante per la Juventus, il lavoro è stato molto con gare ed gli impegni di lavoro che la società ha svolto con impegno, adesso si prosegue: per essere ancora più pronte per le gare successive.

Una pausa che giunge al ridosso del Natale che serve, “serve a me e sopra tutto alle ragazze che devo rilassarsi con la loro famiglia ,per poi ricominciare, e questo è fondamentale; avremmo poi una settimana che riprende alla normalità senza gare a ridosso l’una con l’altra. Finalmente relax e modo di lavorare un pò meno con fatica per proseguire con questo passo”.

Adesso lunedì ci sarà il sorteggio per capire il nuovo avversario bianconero, “chi viene viene”, ha aggiunto Montemurro, adesso il movimento è in forte crescita e la Juve dovrà proseguire questo cammino, ed essere sempre in questo Gruppo Europeo ogni anno per essere “al top con le scelte societarie”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.