Nella conferenza stampa del pre-gara, presso il Manchester City Academy, il nostro CT Milena Bertolini ha incontrato i media per fare il punto dopo la gara di avvio persa contro la Francia. “E’ sicuramente stata una gara degli inizi più difficili, considerato anche il contesto, afferma il tecnico azzurro, perdere la prima porta a lavorare ancora di più con le ragazze alla consapevolezza di capire il perché di quel primo tempo, di cosa ci ha spinto a fare cosa abbiamo fatto e sulle nostre potenzialità per il proseguo del torneo. Questo è l’aspetto che ho lavorato maggiormente in questi giorni del dopo gara”.

Adesso la testa è alla gara contro l’Islanda, nel cercare il modulo più completo e compatto per affrontare l’Islanda: “ La parola umiltà deve essere intesa a livello d’ inconscio, adesso occorre cambiare piglio, noi forse siamo entrate in campo con il pensiero di essere allo stesso livello della Francia, patendo troppo, ed adesso occorre tener presente chi siamo noi, in che modo ci siamo arrivate, ed è questo che conta; e questo deve essere il nostro punto di partenza. Credo che ciò che è successo nella gara di apertura sia più che umano, ci sta, e adesso per la formazione di domani si deve stare bene fisicamente e bene mentalmente perciò le mie scelte si baseranno su questo”.

Sul ranking Mondiale FIFA l’Italia è posizionata al 14° posto, rispetto al 17° dell’Islanda, che cosa dobbiamo fare perché il campo dica questo? “Il ranking Fifa è molto particolare in quanto tiene in conto della storia, che sicuramente noi abbiamo una storia importante come Nazionale femminile, poi è evoluto molto con progressi enormi quindi a poco conta questo numero. L’Islanda è una Nazionale che è cresciuta molto, hanno avuto nel loro paese delle progettualità importanti, e quindi domani incontreremo una squadra tosta e noi per portare a casa il risultato occorrerà fare una partita perfetta con la massima attenzione e concentrazione su tutti i particolari e di trovare la compattezza che abbiamo perso contro la Francia”.

E’ più la voglia di “rivalsa” la gara di domani oppure ci sarà solo tanta pressione, poiché se non si vince contro l’Islanda o siamo fuori da questo Europeo, e Milena ci confessa: “Sapevamo che venivamo qui in questo girone a giocarsela più con l’Islanda ed il Belgio, che con la Francia, adesso le nostre provabilità sono nella nostra testa per fare risultato. Credo che tutte noi, nelle ragazze, che ci sia la voglia di dimostrare che noi non siamo quelle dell’altra sera! Rabbia ed orgoglio saranno il motto che si dovrà usare entrando in campo.

Il nostro commissario tecnico ha poi dato un suo punto di vista sugli Stadi prescelti dalla UEFA per questa competizione, che a volte sono stati criticati poiché piccoli di capienza, ma senza dubbio in funzione delle capacità del pubblico. “Questi stadi possono essere sicuramente sufficienti, anche a Rotherham lo stadio aveva molto spazio e non era al massimo della capienza, pertanto se l’organizzazione ha scelto questi è perché ha fatto le valutazioni in base al pubblico. Poi c’è da dire che sono dei piccoli gioielli, molto belli e ben organizzati”.

In chiusura per la ripartenza ci saranno dei cambi tattici, in funzione dei cinque fatti contro la Francia, ma senza esprimere la formazione ufficiale Milena conferma che sarà verificato dopo la rifinitura di questa sera le condizioni fisiche e poi chi sarà pronta verrà utilizzata. Certo queste sono gare con una intensità tale, che dal primo all’ultimo minuto, che ci sarà lo spazio per tutte!”.

Credit Photo: Andrea Amato

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.