La Lux Chieti c5 di mister Valentina Maione conquista l’agognata salvezza al termine di un’altalena di emozioni. Dopo un primo tempo bloccato sullo 0 a 0 malgrado le varie occasioni create, nella ripresa le neroverdi hanno un inizio arrembante portandosi sul doppio vantaggio, salvo poi incassare la rete dell’inesauribile Carluccio. A 13 secondi dalla sirena, quando la retrocessione sembra ormai inevitabile, Chiara Cialfi trova il gol che pareggia il conto dell’andata (terminata 3-1 in favore delle calabresi) prolungando lo spareggio salvezza all’extra-time. Nei supplementari, trascinate dall’inerzia e dalla spinta di un pubblico caloroso come non mai, le teatine trovano subito il 4 a 1 per poi dilagare travolte dall’entusiasmo del PalaSport di Cepagatti. Soddisfazione immane per la società del patron Bevilacqua, un risultato che ripaga di tutti i sacrifici fatti durante l’anno e che concede alla Lux la possibilità di disputare per il secondo anno consecutivo il campionato di A2.

Il racconto del match

Osservato il minuto di silenzio in memoria delle vittime della tragica alluvione che ha colpito l’Emilia Romagna, la Lux prova subito a sorprendere le avversarie con Santini portiere di movimento. Un forcing di un paio di minuti che culmina in una conclusione di Cialfi respinta dal portiere del Reggio, Martino. La gara si sviluppa all’incirca sullo stesso leitmotiv dell’andata, è la Lux a condurre il possesso, mentre il Reggio adotta un atteggiamento più attendista in virtù del doppio vantaggio accumulato. Le teatine non finalizzano una buona combinazione sull’asse Cialfi-Paoletti, poi Brattelli anticipa nettamente un passaggio di Dascola e conclude con un patente mancino che viene alzato in angolo da Martino. Santini si gira sul piede debole e scarica un mancino al fulmicotone che si stampa sul palo interno per poi finire in fallo laterale. Il Reggio risponde in contropiede, Cannizzaro lancia in porta Pantano ma Di Tolve in uscita le chiude lo specchio della porta. Poco dopo è il portiere Martino, in una delle sue sortite palla al piede, a pescare una liberissima Carluccio sul secondo palo, ma il colpo di testa della numero 9 calabrese finisce sul fondo. Un’imbucata visionaria di Cialfi consente a Nobilio di trovarsi a tu per tu con Martino, ma la laterale ex Tika Taka non riesce ad infilare l’estremo difensore calabrese. La prima frazione si chiude con una gran girata di Siclari respinta da Di Tolve.

Nella ripresa la Lux alza i giri del motore tornando in campo con il power play, e al 1’ sblocca il tabellino con Nobilio, lesta a correggere in rete un bel passaggio nel mezzo di Santini. Cialfi ha poco dopo la chance per il raddoppio, che è solo rimandato. Un’invenzione della numero 10 Cialfi premia infatti l’ottimo inserimento di Paoletti, che con freddezza supera Martino. Recuperato lo svantaggio dell’andata, la Lux trascinata dal pubblico di casa si riversa in avanti alla ricerca del gol del sorpasso, ma Carluccio, mattatrice dell’andata, sfrutta un’incomprensione tra Brattelli e Nobilio e infila Di Tolve in ripartenza. La rete infonde fiducia alle calabresi che impegnano nuovamente il portiere di casa con Pantano. Un rilancio impreciso di Martino concede a Santini una ghiottissima oportunità, ma la conclusione della numero 8 teatina verso la porta sguarnita esce di un soffio. Nobilio a porta spalancata spedisce a lato un facile tap-in, Santini colpisce fortuitamente un altro palo da rimessa laterale, poi inizia ad affiorare la stanchezza e le imprecisioni abbondano da ambo le parti. Negli ultimi disperati 3 minuti mister Maione si riaffida al portiere di movimento. Quando sul cronometro restano soltanto 13’’ da giocare e il Reggio sembra ormai pronto a festeggiare l’ambita salvezza, Cialfi al termine di un’azione insistita infila sotto la traversa Martino con un destro potente che manda in visibilio il pubblico di casa e allunga la sfida all’extra-time.

Ora la Lux ha l’inerzia dalla propria. Pronti via e Nobilio, imbeccata da Paoletti, sfiora il 4 a 1 con un bel diagonale. Il Reggio prova a scuotersi con l’inesauribile Carluccio, sul capovolgimento di fronte Martino nega nuovamente il gol a Nobilio. Le squadre si allungano e fioccano le occasioni, Di Tolve in uscita annulla Cannizzaro e innesca il 3 vs 2 di Nobilio, che assieme a Santini e Cialfi confeziona il quarto gol siglato ancora da quest’ultima. Passa meno di un minuto e Santini, servita da Cialfi, resiste alla carica di Cannizzaro e da posizione defilata scaglia in porta un destro imparabile. È il gol che taglia inevitabilmente taglia le gambe alle avversarie. I ruoli si ribaltano, ora è il Reggio a cercare il tutto per tutto con il portiere di movimento. Cialfi eccede nella gestione del possesso nella propria area e Carluccio per poco non accorcia lo svantaggio. Infine Nobilio approfitta di un passaggio telefonato di Loiacono per firmare a porta vuota il 6 a 1 della sicurezza a 56’’ dal termine. C’è ancora tempo per le ultime emozioni. Loiacono con una parabola ambigua sorprende Di Tolve da centrocampo, ma in meno di 10 secondi Santini ristabilisce il triplo vantaggio trafiggendo Martino per il 7 a 2 finale.

 COMUNICATO LUX CHIETI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here