Alessandro Spugna ha parlato al termine di Roma-Como, ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia. La gara ha qualificato la Roma in semifinale.

Ecco le parole del tecnico giallorosso.

Si aspettava una partita così impegnativa?
“In realtà, sì. Sapevamo che loro sarebbero venute a giocarsela, tranquillamente. È normale che un minimo di rilassamento ci può stare. Avevo chiesto alle ragazze di non averlo, non siamo partite benissimo, ma poi l’abbiamo ripresa, abbiamo vinto, creato diverse occasioni, avremmo potuto fare più gol. Su questo dobbiamo migliorare. Sarebbe potuta essere una partita più tranquilla. Però godiamoci questo momento, è un bel momento, siamo in semifinale di Coppa Italia, seconde in campionato. Ora c’è la sosta”.  

Sembra che nell’ultimo periodo alla Roma serva prendere uno schiaffo per entrare in partita?
“Sì, non mi piace prendere gli schiaffi per entrare in gara. Io credo che l’approccio determini molto lo svolgimento della gara. Oggi l’approccio è stato più sereno. Ma vanno fatti i complimenti alle nostre avversarie, è una squadra di valore, merita la classifica che ha in Serie B e merita di giocare la prossima Serie A”.

Abbiamo visto in campo giocatrici impiegate meno nell’ultimo periodo. Soddisfatto della loro prova?
“Sì, si stanno inserendo bene. È stata un’occasione per vederle. Tipo Serturini, era mesi che non faceva una partita quasi intera. Altre come Bartoli e Ciccotti. È importante dare minutaggio a queste giocatrici. Ora ci sarà bisogno di tutte per andare avanti su questo trend”.

Credit Photo: Domenico Cippitelli