Niente da fare per la nazionale italiana, uscita sconfitta con un punteggio di 5 a 2 contro la Germania. La differenza, a guardare solo il risultato, è ampia, ma ci sono ottime indicazioni offerte dalle ragazze e soprattutto c’è tutto il tempo per provare a migliorare in vista dei Mondiali 2019. Inoltre non deve essere dimenticato l’importanza dell’avversario: la Germania è al 3° posto del ranking FIFA, mentre l’Italia è fuori dalle prime 10 posizioni.

Le azzurre sono rimaste in partita per tutti i primi 45 minuti, riuscendo a recuperare i due gol subiti nei primi minuti e terminando il primo tempo sul punteggio di 2 a 2. A punire l’Italia nei primi 20 minuti della partita sono state due calciatrici del Bayern Monaco, Lina Magull e Sara Däbritz (conclusione poi deviata sotto porta da Alexandra Popp). L’inizio della rimonta azzurra avviene con Barbara Bonansea su assist di Alia Guagni, il 2 a 2 viene infine siglato da Daniela Sabatino, in gol per due volte consecutive in azzurro dopo la rete con la Svezia.
Nel secondo tempo la differenza con la nazionale tedesca diviene evidente e le azzurre subiscono 3 reti: Giulia Gwinn, Lena Petermann e Leonie Maier. Il pressing e l’intensità della Germania per tutti i 90 minuti hanno impedito all’Italia di creare gioco e concrete occasioni in avanti, ma la CT Milena Bertolini è apparsa comunque soddisfatta al termine dell’incontro: “Alle ragazze ho fatto i complimenti perché non capita tutti i giorni di rimontare due gol alla Germania ed è una bella dimostrazione di carattere. Ho visto cose buone e altre meno buone, dobbiamo crescere nella gestione del pallone e questo passa attraverso competenze tecniche e coraggio. Non dimentichiamo comunque che avevamo di fronte una delle squadre più forti al Mondo.

Al termine dell’incontro anche le calciatrici in campo hanno espresso la propria opinioni attraverso i social, di seguito riportiamo le parole di Cristiana Girelli e Daniela Sabatino.

Cristiana Girelli: “Per crescere e capire dove migliorare bisogna affrontare anche queste squadre che, attualmente, sono sicuramente più avanti di noi. Mettiamo in tasca ciò che di buono abbiamo fatto, e continuiamo a lavorare con la stessa voglia e determinazione che abbiamo avuto nel riportare la partita in parità dopo essere andate sotto di 2 gol.Il tempo e QUESTO LAVORO ci daranno soddisfazioni.

Daniela Sabatino: “È sempre bello giocare queste partite…Lavoreremo ancora di più per farci trovare pronte al Nostro Sogno Mondiale!

Credit Photo: FIGC

Avatar
Nasce a Fiorenzuola d’Arda il 1 marzo del 1995. Appassionata del mondo Juve dalla nascita, solo recentemente si è avvicinata all’universo del calcio femminile ma ne è rimasta folgorata. Crede fermamente che sia una realtà ancora poco conosciuta in Italia, ma in rapidissima espansione, ed è entusiasta di far parte del progetto che sta permettendo questa crescita. È laureata in Storia ed è ora impegnata in una magistrale in Scienze Storiche.