Il Montorfano Rovato ha terminato al sesto posto del Girone B di Promozione Lombardia, insieme al Città di Segrate, con punti. Un risultato ottenuto grazie alla spensieratezza delle giovani che sono scese in campo, in particolar modo quella di Clara Recenti, centrocampista, con esperienze difensive, classe 2004, e al suo terzo anno con la maglia rovatese. La nostra Redazione ha raggiunto Clara per risponderci ad alcune domande.

Clara cosa vuol dire per te giocare a calcio?
«Giocare a calcio fa parte della mia vita da tanti anni, e per me vuol dire sfogo e passione, come se fosse una seconda famiglia. Si vince e si perde assieme. Ho iniziato a tirare il pallone con i miei fratelli e miei cugini, e da lì è cominciata l’avventura col calcio- Ho iniziato a giocare con i maschi del Passirano, poi sono stata alle giovanili del Brescia e infine Rovato».

Prima hai giocato in difesa, poi sei passata quest’anno a centrocampo. Com’è avvenuto questo passaggio?
«Per tanti anni ho giocato come terzino, perché sono molto veloce, poi mi hanno spostato a centrocampo, perché volevano sfruttare al meglio il mio tiro, soprattutto fuori are, poi perché volevano che seguissi l’azione».

Cosa ti ha lasciato l’esperienza al Brescia?
«Mi sono sempre trovata bene, ho avuto tanti miglioramenti, soprattutto a livello tecnico».

Perché hai sposato nel 2019 il progetto Montorfano Rovato?
«Quando ho lasciato Brescia, sono venuta a conoscenza, tramite una mia amica, del Montorfano Rovato e del suo progetto. Sono andata a fare un allenamento e, inizialmente, mi hanno aggregato in una squadra a sette, ma successivamente sono stata convocata anche con la Prima Squadra».

Com’è l’ambiente del Montorfano Rovato?
«È un bell’ambiente, dove si è creato un bel gruppo di squadra, con la società che punta molto sulle giovani».

Tutto ciò è arrivato, in questa stagione, il sesto posto nel Girone B di Promozione Lombardia. Giusto il piazzamento?
«Per com’è andato il campionato sì, perché nel girone d’andata abbiamo perso molti punti, mentre nel ritorno invece ne abbiamo fatti di più. Forse potevamo essere più in alto».

Tra le partite giocate col Rovato quest’anno qual è quella che ti ha dato più soddisfazioni? E quella che vorresti rigiocare?
«Quella col Brugherio all’andata, perché è stata molto combattuta, soprattutto per me che ho segnato il gol del pareggio su punizione. Vorrei rigiocare la gara del ritorno col Casalmartino, perché eravamo passate in vantaggio, ma nella ripresa non siamo ritornate in campo con la giusta concentrazione, poi le nostre avversarie erano molto forti, non a caso hanno vinto il campionato, imponendoci il loro gioco e vincendo la partita».

Tu hai segnato quattro gol al tuo primo anno da centrocampista. Soddisfatta del tuo score?
«Sono molto contenta, forse potevo fare qualche gol in più».

Che Girone B di Promozione Lombardia hai visto?
«Secondo me è stato molto equilibrato, dove c’erano squadre molto forti come la Riozzese, che aveva il gioco più bello, Casalmartino, Brugherio e Villa Valle».

Secondo te come sta il calcio femminile bresciano?
«Sta meglio, ma nella nostra zona non ci sono tantissime squadre. Però sta facendo dei passi avanti».

Com’è la tua vita extracalcistica?
«Faccio la quarta superiore nelle Scienze Applicate al Petrarca di Brescia, e nel tempo libero, esco con i miei amici».

Il tuo futuro è ancora legato al Montorfano Rovato?
«Sì, perché mi piacerebbe vincere il prossimo anno con questa squadra il campionato, e arrivare col Rovato il più in alto possibile».

La Redazione di Calcio Femminile Italiano ringrazia il Montorfano Rovato Calcio e Clara Recenti per la disponibilità.

Photo Credit: Clara Recenti

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha tre esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio, ManerbioWeek e BresciaOggi, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.