Arrivata fra i primi acquisti del mercato estivo, Elisabetta Taverna, giovane trequartista biancoscudata, condivide con noi la sua analisi post trasferta trentina. Nonostante il risultato non sorrida al Padova, si dice fiera e orgogliosa di una squadra resiliente, in grado di misurarsi con le difficoltà e uscirne a testa alta. 

«Abbiamo affrontato una delle squadre al vertice e sapevamo che non sarebbe stato affatto facile. Oltre ad aver cambiato mister a questa partita siamo arrivate con una rosa completamente rivisitata con ben 10 ragazze della primavera, data la sfortuna che ci ha colpito anche questa volta con l’influenza e con un modulo nuovo. Nei primi minuti del primo tempo abbiamo cercato di andarle a prendere alte per mettere pressione, hanno fatto fatica a verticalizzare e hanno cambiato modulo per cercare di metterci in difficoltà. Su una distrazione nostra hanno trovato il gol del vantaggio, dove abbiamo cercato di reagire subito e non subire il colpo.
Il secondo tempo è iniziato un po’ diversamente, loro hanno cercato di partire subito forti e poco dopo hanno trovato il raddoppio, ma non ci siamo abbattute neanche questa volta, abbiamo trovato il gol che ha accorciato le distanze e la traversa che ha impedito il pareggio. La partita si è conclusa con un altro gol per loro su un calcio di rigore. Siamo uscite a testa molto alta, consapevoli che abbiamo dato tutto, da questa partita ci portiamo a casa il fatto che anche nelle difficoltà non molliamo mai e questo ci porterà grandi soddisfazioni».