Credit Photo: Paolo Pizzini

Montemurro che aveva chiesto a tutta la sua squadra gol, non soltanto dalle attaccanti, e nella serata di Champions è stato ascoltato: Sara Bjork Gunnarsdottir ha messo a segno la rete del vantaggio bianco-nero.

Il valore delle nostre ragazze, sopra tutto dalle centrocampiste, dichiara Montemurro in conferenza stampa ad Alessandria, è molto importante perché non puoi aspettare sempre che sia una punta a risolvere la partita. Anche Julia Grosso questa sera ha avuto due grosse occasioni per fare gol, comunque l’abbiamo gestita abbastanza bene ed è andata cosi”.

Punte che in campo hanno fatto mancare il suo apporto, è il caso di Cristiana Girellli che nella ripresa appena è stata sostituita da Cantore ha messo a segno la rete del 2 a 0.

“A dire la verità Cristiana, non è al suo 100%, però adesso abbiamo visto che gioca in modo importante, le ho chiesto di giocare in una zona più centrale però la gestione tra preparazione corta (dopo gli Europei) ed ha livelli diversi c’è ancora molto da lavorare. Cantore è in crescita, a perso ritmo, ma giocando di più è sicuramente molto importante sia per noi che per la Nazionale”.

“L’umiltà della mie ragazze, che lavorano insieme, hanno prodotto un gruppo vero che si unisce e gioca con continuità, e questo che ho visto in campo questa sera. La crescita si vede, molto di più dal punto di visita fisico ed adesso occorre fare le scelte tecniche giuste. In campo ci sono situazioni che variano, ma la nostra professionalità che c’è in campo mi rende orgoglioso e credo che manchi solo la continuità nei risultati”.

Ma in questi due anni del tecnico Italo-Australiano, nello spogliatoio della Juventus, quanto c’è di Montemurro per la crescita della squadra: “Io ho solamente aiutato, conclude il mister, ho spigato cosa si doveva si doveva fare in campo ed a crederci sempre. Forse adesso stò vedendo quanto è cambiato, rispetto al mio primo giorno a Vinovo, di quanto le ragazze ci credono a ciò che fanno mentre giocano : adesso giocano un calcio piacevole e possono andare avanti con carattere anche in campo Internazionale”.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.