Al via del torneo di Eccellenza piemontese vi è quest’anno anche la squadra femminile del Novara Calcio. Il club presieduto da Marcello Cianci, al suo primo anno in rosa, è diretto dal responsabile Elena Tagliabue e dal tecnico Alessandro Ruocco. Il capitano del team azzurro è Martina Ambrosi centricampista di 26 anni, originaria del biellese, che abbiamo raggiunto per una breve intervista.

Martina, come ti sei avvicinata a questo sport?
Gioco a calcio da quando ho 6 anni, e questa è sempre stata la mia più grande passione. Mi sono avvicinata questo sport grazie a mio fratello e ai miei compagni di scuola. Ho iniziato a giocare con la maschile del mio paese, dove sono rimasta fino ai 15 anni”.

Poi il tuo passaggio al femminile, con tante soddisfazioni giusto?
“Passata nel femminile, ho giocato 4 anni nel Torino, tra Primavera e prima squadra, che allora militava in Serie A. Successivamente ho vestito la maglia dell’Albese e della Novese, entrambe in Serie B. Due anni fa sono tornata nella mia provincia, ho giocato due stagioni nella Biellese, vincendo il primo anno la categoria Eccellenza e la Coppa Piemonte e giocando lo scorso anno il campionato di Serie C Nazionale”.

Come è andata la scorsa stagione in Serie C con la Biellese?
“Da squadra neo promossa, l’obiettivo iniziale era la salvezza, ma non ci è voluto molto per capire che si poteva fare molto di più. Un buon mix di ragazze con una certa esperienza in categorie superiori, giovani con ottime qualità e uno staff attento e abile a sfruttare tutto il potenziale. Abbiamo fin da subito, cosi, fatto del gruppo il nostro punto di forza. Il campionato disputato è stato di vertice, dove Como a parte abbiamo dato fastidio a tutti.. Alla sospensione dei campionati eravamo terze ad un punto dalla seconda. È stata una stagione più che soddisfacente, peccato sia terminata molto prima del previsto”.

Poi il tuo passaggio a Novara, come è nato tutto?
“Dopo un’estate un po’ travagliata con una buona parte delle compagne che avevo a Biella ci siamo ritrovate a Novara, società che ci ha dato la possibilità di continuare a giocare insieme vestendo una maglia storica ed importante. Oltre alle ragazze con cui già giocavo, ho trovato altre giocatrici di valore e con cui si è già instaurata una buona sintonia e si sta creando un gruppo affiatato. Le ambizioni sono importanti, inutile nascondersi, sia per noi ragazze e il nostro staff, sia per la società. Sicuramente c’è entusiasmo per questa nuova stagione, dopo tutti questi mesi lontane dal campo è ancora più bello tornare a giocare e farlo in questo contesto, con obiettivi importanti è molto stimolante”.

Come reputi oggi il movimento rosa in Piemonte?
“Nella mia regione il panorama del calcio femminile vede un esempio come la Juventus, che è stata la prima società a investire e credere così tanto nel settore femminile. Nella Serie B, invece, non ci sono società piemontesi e che nella Serie C rispetto le 6 squadre dello scorso campionato si è scese a 4. Questo a testimonianza del fatto che restano ancora grandi problemi ad investire nel femminile e per tante società a sostenere categorie nazionali, a maggior ragione dopo il Covid. Giocando in casa spezzo una lancia a favore del Novara Calcio, che nonostante l’anno complicato ha deciso di investire ancora di più in un progetto in rosa. Sono però molto contenta di vedere come stia aumentando il numero di bambine che si infilano le scarpette da calcio e corrono dietro ad un pallone e di come la passione per il calcio femminile si stia espandendo tra la gente”.

Quale è il tuo ricordo più bello legato al calcio?
“Mi viene veramente difficile individuare il più bel ricordo riguardo al calcio. Ogni stagione mi ha lasciato qualcosa di importante, da quelle ormai più lontane come la vittoria dello scudetto Primavera e la prima vera stagione in Serie A, agli ultimi due anni tornata a casa a Biella. Proprio qui uno dei ricordi più belli è rappresentato dal mio gol nell’ultima partita del campionato vinto”.

Christian Vitale
Mi chiamo Christian Vitale, sono un giornalista pubblicista con la grande passione per lo sport. Nell'estate del 2015, con amici, apriamo il sito Parametro Zer0, divertendoci a parlare del movimento calcistico in ambito nazionale. Nell'ottobre del 2015 inizio la collaborazione con Info Cilento, portale d'informazione che copre l'area a sud di Salerno. Comincio con una trasmissione in streaming in onda ogni lunedì, sul mondo del calcio dilettantistico, per poi scrivere con lo stesso portale nell'aprile del 2016. La collaborazione con Info Cilento, ancora viva ed intensificatasi nel 2017, mi ha portato a stringere rapporti con qualche emittente televisiva e radiofonica salernitana, con ospitate varie in trasmissioni sul calcio locale. Nello stesso anno inizio a scrivere con Le Cronache di Salerno, quotidiano della zona, mentre nel 2018 entro a far parte dell'ufficio stampa della Polisportiva Santa Maria, società di Eccellenza di calcio ad 11 maschile. Nel 2019 inizio a scrivere con altri due siti on line: Campania Football, in ambito regionale, e Salerno Sport 24, in ambito provinciale, oltre a curare la comunicazione della Folgore Acquavella Femminile, squadra di calcio a 5 iscritta nel torneo di Serie C2.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here