L’unica società friulana a giocare in Eccellenza è il Prata Calcio. La società presieduta da Paolino Zanutto  è guidata in panchina da Nicola Anzanello, e capitanata da Laura Fagotto. Abbiamo raggiunto, per una breve intervista, due pedine dell’organico delle gialloblù ovvero Aloe Cristiana, centrocampista calabrese classe 1982 al primo anno con il Prata, e Linda Bortolussi, classe 1996 d San Vito al Tagliamento al quarto anno in gialloblù.

Come vi siete avvicinate a questo sport?

Linda:La passione per il calcio è nata già quando ero una bambina, ma era un sogno ad occhi aperti. Andavo a vedere le partite di mio cugino e giocavo con lui o da sola in giardino. Trascorrevo le giornate a prendere a calci tutto ciò che mi passava per i piedi e sognavo. Sognavo di poterci giocare anche io un giorno, ma l’ostacolo da superare era il parere dei miei genitori che mi hanno spinto a fare altri sport, come nuoto, danza e basket. Alla fine, ho insistito talmente tanto che si sono rassegnati e in terza media finalmente potevo indossare gli scarpini ed essere felice. Prima di questa annata ci sono stati momenti importanti ed esperienze uniche. In particolare i campionati con la Sanvitese e qui al Prata. Sia in Primavera, con mister Poli, e in prima squadra dove è arrivata la Coppa Regione nel 2013 con mister Agnoletti, rivinta nel 2016. Poi sono arrivate le esperienze indimenticabili con la Rappresentativa”.
Cristiana: “
Provengo da una famiglia di calciatori. Mio padre e i sui 5 fratelli hanno tutti giocato a calcio. Praticamente ho il calcio nelle vene. Ho iniziato a giocare da piccolissima con i maschi, per strada, in cortile, ovunque. Successivamente sono passata nella squadra allenata dal mio papà, ma ho disputato il mio primo campionato ufficiale a 15 anni tra le fila del Cus Cosenza, in Serie C nel 1997-1998. Al mio primo anno abbiamo conquistato la promozione in Serie B. Poi diversi anni di  B con il Cus Cosenza, il trasferimento alla Polisportiva Olimpica Corigliano nel campionato 2002-2003 con promozione in Serie A2, ed il ritorno al Cus Cosenza fino al 2008. Per quattro anni consecutivi dal 2008 al 2012 per me  la Serie A2: con l’Olimpica Francavilla, in Puglia, per i primi tre anni e con il Real Cosenza nell’anno 2011-2012. Nel 2012-2013 poi il passaggio nella Serie A di calcio a 5 prima con la Jordan di Montalto Uffugo e poi con l’Atletico Belvedere. Da allora un lungo stop fino ad approdare quest’anno al Prata Femminile“.

Linda siete alla quarta stagione con questa società. Chi sono stati i promotori per la nascita di questo club e cosa ricordi dei primi allenamenti?
“I promotori di questa squadra sono stati il mister Poli e diversi componenti della società, in primis il Presidente, che hanno creduto sin da subito in questo progetto. Sicuramente c’era il dubbio e il timore, intorno a questa società, sui traguardi e i risultati che questa squadra potesse raggiungere. Questo però riguardava, in particolare, quelle persone che non sostenevano direttamente  il calcio femminile. Noi sapevamo che potevamo diventare qualcosa di importante fin dai primi allenamenti, durante i quali si viveva un’atmosfera felice, pronte a farci conoscere e a conoscerci“.

Linda ci fai un breve riepilogo sui campionati passati disputati dal Prata?
Dopo il primo anno in cui abbiamo vinto tutto, l’anno successivo io ho subito uno stop forzato. La squadra è riuscita a raggiungere il terzo posto dopo Gordige e Union Villanova.
L’anno successivo 2019-20 ci siamo qualificate per la fase Élite del campionato, arrivando seconde nel nostro girone. Tuttavia, causa Covid-19, non è stata disputata la seconda fase ed è salita di categoria la Triestina. La stagione 2020 prima dello stop ci ha visto vincere due su due le partite di campionato e l’unica partita di coppa disputata“.
Cristiana sei una dei nuovi innesti, che gruppo hai trovato al tuo arrivo?
Le ragazze e lo staff del Prata Femminile sono stati eccezionali fin dal primo
giorno. Mi sono sentita accolta come fossi parte del gruppo da tempo, nonostante la
differenza di età con la maggior parte di loro. E’ bello, dal mio punto di vista, questo
confronto generazionale dentro e fuori dal campo“.
Cristiana come è stato tornare ad allenarvi in estate dopo tanto tempo?   
 “Nei primi allenamenti dopo il lungo stop dovuto all’emergenza sanitaria abbiamo avvertito la fatica fisica ma il nostro entusiasmo era alle stelle! Tutte avevamo voglia di tornare a lavorare insieme sul campo per far bene fin dalla prima partita”.
Linda tornando all’ultimo campionato come è andato e come avete affrontato lo stop successivo?
“L’anno scorso ci siamo qualificate per la fase Élite del campionato, arrivando seconde nel nostro girone. Tuttavia, causa Covid-19, non è stata disputata la seconda fase ed è salita di categoria la Triestina. Lo stop non ci ha sorpreso, ma ci ha colpito. Nel senso che ci ha fatto male e ci manca molto. Siamo comunque consapevoli sia stata la scelta migliore adottata e la più ragionata in questo momento così critico per il mondo intero. Ritorneremo con ancora più passione, voglia e desiderio di prima”.
Cristiana con quali obiettivi volevate affrontare questa annata?   
Il nostro obiettivo è dimostrare di potercela giocare con tutti fino all’ultima
partita, sia in coppa che in campionato, e solo alla fine tirare le somme. Le prime gare, due di coppa e l’esordio in campionato, sono andate come volevamo ottenendo tutte vittorie“.
Cristiana come avete metabolizzato il nuovo stop? Come state continuando ad allenarvi? 

Ci dispiace aver dovuto interrompere visto il nostro inizio scoppiettante. Era importante continuare ad allenarci insieme sul campo perché ci permetteva di crescere e provare diverse soluzioni di gioco.  In questo periodo ognuna di noi si allena individualmente seguendo i consigli del nostro allenatore che, anche a distanza, è sempre presente. Ovviamente la nostra speranza di poter ricominciare al più presto è sempre viva. Stiamo già scalpitando”.

Linda come sta crescendo il movimento femminile nella vostra regione?
Purtroppo, in questi anni nella nostra regione il calcio non sta crescendo ed è un peccato. Essere costrette a partecipare ad un campionato fuori dalla nostra regione. Ci vorrebbero più persone disposte ad accogliere il desiderio di giocare a calcio delle piccole bambine, abbattendo tutti gli stereotipi e pregiudizi del caso“.

Quale reputate il ricordo più bello della vostra carriera?
Cristiana:Ho tanti ricordi piacevoli, ma di sicuro ne ho uno più bello è anche più importante: la promozione in A2 con l’Olimpica Corigliano. All’ultima giornata di campionato contro la Perla del Tirreno, squadra laziale, sul Campo di Santa Marinella vincemmo 1 a 0 per noi con un mio goal su punizione. Era il 3 maggio 2003.”
Linda:Di momenti belli e felici ce ne sono molti, e credo siano tutti importanti. Se devo però sceglierne uno, credo sia riconducibile alla vittoria del campionato e della Coppa alla prima stagione qui al Futuro Giovani. E’ stata adrenalina pura vincere questi trofei e farlo contro tutte le aspettative del caso lo ha reso ancora più bello. Ad avvalorare tutte queste emozioni incredibili è stata la squadra stessa. Infatti, è stato un traguardo tanto unico quanto le persone che c’erano in quell’annata così speciale. Un altro momento che mi sentirei di ricordare come altrettanto importante è il ritorno in campo dopo uno stop forzato per una malattia che mi ha tenuto fisicamente lontano dal rettangolo verde. Anche qui è stato magico poterlo fare con delle compagne così intime pronte ad esserci in ogni momento, una vera e propria squadra pronta per un obiettivo comune: sognare e crederci, con l’imperativo di non mollare mai”.
Christian Vitale
Mi chiamo Christian Vitale, sono un giornalista pubblicista con la grande passione per lo sport. Nell'estate del 2015, con amici, apriamo il sito Parametro Zer0, divertendoci a parlare del movimento calcistico in ambito nazionale. Nell'ottobre del 2015 inizio la collaborazione con Info Cilento, portale d'informazione che copre l'area a sud di Salerno. Comincio con una trasmissione in streaming in onda ogni lunedì, sul mondo del calcio dilettantistico, per poi scrivere con lo stesso portale nell'aprile del 2016. La collaborazione con Info Cilento, ancora viva ed intensificatasi nel 2017, mi ha portato a stringere rapporti con qualche emittente televisiva e radiofonica salernitana, con ospitate varie in trasmissioni sul calcio locale. Nello stesso anno inizio a scrivere con Le Cronache di Salerno, quotidiano della zona, mentre nel 2018 entro a far parte dell'ufficio stampa della Polisportiva Santa Maria, società di Eccellenza di calcio ad 11 maschile. Nel 2019 inizio a scrivere con altri due siti on line: Campania Football, in ambito regionale, e Salerno Sport 24, in ambito provinciale, oltre a curare la comunicazione della Folgore Acquavella Femminile, squadra di calcio a 5 iscritta nel torneo di Serie C2.