Il Milan vince questa sfida 3 a 0 meritatamente (facendo un buon secondo tempo) battendo una Roma che quasi mai (il primo tiro in porta del primo tempo al 25°) è riuscita ad impensierire il portiere milanista.
Due squadre ancora in costruzione che devono trovare le giuste geometrie e i meccanismi corretti (soprattutto la Roma). Basso il ritmo (molto caldo oggi nella Capitale) e veramente molti (troppi) errori tecnici,di tattica individuale e di squadra. Non avendo una visione grandangolare (solo le immagini televisive), non sono riuscito a capire la diposizione in campo delle squadre e se eventulmente cambiavano mudulo nelle due fasi principali di gioco (sembrava un 1-4-3-3 speculare e a volte il Milan 1-4-4-2).
Quando non fai parte dello Staff di una squadra è difficile fare un’ analisi corretta al 100% perchè è fondamentale conoscere le caratteristiche delle giocatrici, la metodologia di allenamento e il tipo di gioco che vuole l’allenatore. Più che match analysis parlerei quindi di team report.

Sulla costuzione dal basso della Roma, Giugliano si abbassa a prendere palla

Errore di tattica individuale: Bergamaschi decide di non passare la palla a Giacinti che avrebbe avuto la porta libera per calciare a rete

questo il momento ideale per il passaggio

Da vedere su calcio d’angolo il movimento sul 2 palo (probabilmente studiata) di Valentina Giacinti:

giocatrice del Milan lasciata sola al limite dell’area

Ottima al 38° la transizione negativa del Milan

Marcatura a zona del Milan utilizzata per tutti i calci d’angolo

Rischiosa l’uscita con i piedi del portiere del Milan (materiale per l’allenatore dei portieri)

Al 76° buona occasione della Roma (passante solo un po’ lungo)

All’82° “confusione difensiva” della Roma (dopo un bel recupero palla del Milan) e raddoppio di Dominika Conc

Grandissima “imbucata” per Valentina Giacinti che al 87° sigla il punteggio sul 3 a 0

Come già scritto una Roma da rivedere (le qualità tecniche ci sono sicuramente)
Il Milan soprattutto nel 2° tempo ha fatto vedere buone trame di gioco,con attacchi prevalentemente diretti (vedi il 3°gol) un buon pressing e una condizione fisica già di livello.

Alessandro Caviola
Allenatore UEFA B,istruttore di scuola calcio CONI-FIGC,collaboro come Football analyst con società maschili di Serie D ed Eccellenza Ho “scoperto” l’importanza dell’analisi video,registrando e analizzando le squadre che allenavo. Sono una persona resiliente, ottimista e positiva. Nel 2013 ho allenato una squadra mista nella categoria Giovanissimi. Oltre alla passione per il calcio,mi piace suonare la chitarra,viaggiare e fare camminate in montagna.

1 commento

  1. Finalmente mi imbatto in un’analisi fatta per bene della partita. In troppi hanno parlato di “vittoria troppo dura”, “la Roma non se lo meritava”, a mio avviso commenti faziosi e gratuiti.
    Sono perfettamente d’accordo con la vostra analisi.

Comments are closed.