Per le rossonere non poteva esserci avversario più duro dopo la brutta prestazione con relativa rotonda sconfitta nel derby perso al Vismara contro l’Inter per 3-0, che ha evidenziato sotto i riflettori il delicato momento che sta attraversando la squadra rossonera.

In settimana sicuramente mister Ganz si sarà fatto sentire a più riprese dalle proprie giocatrici, ma attualmente, a parte come già scritto, oltre a soffrire l’assenza pesante di Boquete per scelta tecnica, il Milan chiamato per due volte a due test probanti, li ha falliti miseramente con l’approccio mentale, più che a livello tecnico o tattico. Questo Milan avrebbe bisogno di ritrovare prima della sosta le energie per compattare i reparti e per recuperare in modo particolare alcune giocatrici che, mentalmente, sono sotto un treno e non stanno rendendo come sanno e come dovrebbero. Certamente, senza cercare troppi alibi, la gara contro la Juventus che vuole allungare la sua striscia positiva di vittorie e conquistare così un altro piccolo tassello da aggiungere nel suo personale record, la partita con il Milan arriva nel momento migliore, dopo la grande prestazione di squadra, compatta e coesa che a Londra in coppa contro il Chelsea, ha dimostrato che questa Juventus può dire la sua anche in Europa fra le big e non solo in campionato.

Juventus vs Milan sarà anche il duello a distanza fra le due attaccanti della Nazionale e fra le più prolifere del nostro  campionato, da un parte Girelli e dell’altra Giacinti rispettivamente con all’attivo 56 contro 55 reti segnate, sarà anche la partita di una illustre ex di turno, quali l’estremo difensore Giuliani che, ultimamente, non sembra attraversare il suo periodo migliore come estremo difensore della porta rossonera, ma avrà proprio domenica la possibilità di un immediato riscatto.

A livello di rosa, attualmente le bianconere si possono permettere di avere a disposizione due squadre e i cambi di Montemurro non fanno mai rimpiangere chi fino a quel momento è stata una protagonista sul rettangolo verde, mentre il Milan in questo momento non ha tantissime scelte in panchina che le possano permettere di svoltare radicalmente una partita di questo calibro. 

Ovviamente, il pronostico è tutto a favore delle bianconere, ma siamo sicuri che le rossonere cercheranno almeno una  reazione psicologica e di carattere che non hanno avuto nè con il Sassuolo nè contro l’Inter, tanto da non capirci più niente, come ha ribadito in diverse interviste lo stesso Ganz.

Speriamo, comunque, di assistere ad una partita equilibrata e combattuta, poi ci sarà tempo nella finestra di gennaio in casa Milan di correre ai ripari sul mercato.

Credit Photo Andrea Amato

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.