Credit Photo: Fabrizio Campagnoli

Un risultato insperato per le padrone di casa o forse inaspettato per la maggioranza dei tifosi bianconeri, invece il Milan, sul campo, ha battuto la Juventus per 4-3, salendo così al quinto posto a soli due punti proprio dalle bianconere in una gara.

Al termine dell’incontro contro le rossonere un Joe Montemurro che non lascia di certo negli spogliatoi la sua sincerità, afferma:  “Non abbiamo giocato al nostro livello, abbiamo commesso troppi errori e il Milan ha meritato. Adesso studieremo il Lione, ci prepareremo per la partita e faremo in modo di essere pronti mentalmente. Ora vediamo che squadra siamo, vediamo come il gruppo reagirà a questa sconfitta. Girelli e Bonansea? Ho scelto io di non far giocare Cristiana dal primo minuto, scelta tattica e legata sia alla freschezza mentale che alla gestione di una ragazza che arriva da un infortunio e ha giocato 80 minuti pochi giorni fa, e poi giovedì abbiamo una partita importantissima. Barbara è stata onesta, mi ha detto che non sarebbe riuscita a dare il 100% e abbiamo deciso di darle un po’ di riposo affinché sia pronta per giovedì”.

Un Milan di Ganz che riscatta la scorsa stagione, dove sia in campionato che in Coppa Italia aveva subito molto nello scontro diretto contro la Juventus: a Vinovo perdettero per 5 a 3 dopo una gara combattutissima, mentre nella semifinale di andata perdette per ben 6 a 1. Quest’oggi anche con un risultato di misura porta a casa il morale e la certezza che la sua squadra può dire molto ancora sulla corsa allo scudetto e sulla qualificazione per la prossima Champions League.

Per la Juventus, invece, saranno quattro giorni di preparazione ad uno scontro con l’Olympique Lione per avere la testa libera e sopra tutto le forze per combattere a testa alta contro la corazzata francese. Lione che nella prima sua gara di Champions è stato sconfitto per 5 a 1 vuole scendere a Torino a cercare i tre punti anche se lo scorso anno allo Stadium trovò l’unica sconfitta di tutta la sua stupenda strada alla 8° Coppa Europea.

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.