Lo scontro tra la Juventus di Montemurro contro il Milan di Ganz è il big match della undicesima giornata, i precedenti favoriscono le padrone di casa: che hanno collezionato 4 vittorie (più una in coppa Italia), 2 pareggi ed 1 sola sconfitta datata novembre 2018 (Milan 3 Juve 0, presso lo Stadio Ossola di Varese, dove sulla panchina rosso-nera vi era Carolina Morace). Le bianconere a caccia dell’undicesima vittoria consecutiva (in questo campionato) ed alla sua trentacinquesima di fila per tentare l’allungo quasi definitivo sulle rivali. Il Diavolo per riscattare la pessima prestazione contro la formazione di Rita Guarino e credere ancora nel secondo posto, distante attualmente due punti.

La Juve schiera il collaudato modulo 4-3-3 con Peyraud tra i pali, Lenzini-Hyyrynen-Salvai e Boattin in difesa, Pedersen-Bonfantini e Caruso centrali ed infine Bonansea-Girelli e Staskova in attacco. Il Milan propone il 3-4-2-1 con la ex. Giuliani tra i pali, Amadottir-Agard e Fusetti in fase difensiva, Bergamaschi-Stapelfeldt-Adami e Andersen in posizione centrale, Jane e Thomas avanzate ed unica punta Valentina Giacinti.

Gara che parte in salita per le padrone di casa, con il Milan in vantaggio al 3’ con Greta Adami sul primo vero affondo delle ospiti.  La Juventus recupera cinque minuti più tardi: punizione dal limite area di Girelli, Giuliani intercetta il pallone ma non trattiene, e Staskova sotto rete  sigla il gol del pareggio.

Partita molto bella con un ritmo molto alto e scambi di campo molto dinamici e veloci. Le ragazze di Montemurro mantengono un buon possesso di palla, giocando nella metà campo avversaria, cercando gli affondi verso la porta rosso-nera. Alla mezz’ora un “regalo” di Giuliani, che mette palla a terra per rinviare, la sfera cade nei piedi di Barbara Bonansea, che era appostata sotto la linea mediana di porta, e rete del vantaggio Juventino. Ma nello scadere di tempo viene concesso un rigore per il Milan, dal dischetto s’incarica Valentina Giacinti, che calcia centrale e debole per la prodezza di Peyraud che neutralizza. Un duello scoppiettante, ricco di sorprese, e di buon gioco con due formazioni sempre attente a creare giocate di alto livello ed a portare al tiro le sue atlete. Primo tempo che si chiude con la supremazia delle bianco-nere, con qualche errore di troppo delle ospiti, e gara ancora molto aperta.

Ripresa che riparte con le stesse ventidue in campo, e con le padrone di casa che ci provano prima con Bonansea e poi con Bonfantini per cercare chiudere il match, ma lo scontro in campo resta sempre vivo. Joe richiama in panchina Bonfantini e Girelli per le forze fresche Hurtig-Rosucci e il gioco delle locali sembra più fluido, ma a trovare la rete del pareggio è Longo, neo entrata al posto di Stapelfeldt: brava a rubare palla al limite dell’area ed a calciare al lato destro della numero uno bianco-nera.

La Juventus non ci stà e su azione in contropiede di Rosucci, la palla viene bloccata di mano da un difensore rosso-nero ed è rigore: dagli undici metri s’incarica la numero tredici Lisa Boattin che spiazza la sua ex. compagna e sigla il 3 a 2. Una gara stupenda con due formazioni sempre attive a creare azioni in velocità e senza risparmio di fiato. Le ragazze di Montemurro vogliono la vittoria e continuano a pressare nella metà campo delle ospiti ed è ancora Andrea Staskova a colpire a rete per il doppio vantaggio bianco-nero, che di fatto chiude ogni idea di recupero del Milan. Sul finale la neo entrata Lina Hurtig chiude la gara per il definitivo 5 a 2.

La Juve prosegue il suo cammino vincente, e sempre più convincente, con numeri da record chiudendo anche la pratica Ganz e vincendo il titolo di “Campione d’Inverno”.

Credit Photo : Paolo PIZZINI

Paolo Comba, giornalista pubblicista iscritto all' ordine di Torino, ho conseguito il tesserino da Giornalista collaborando da prima con quotidiani on line ( settore calcistico giovanile : “11 giovani.it” e “gioca a calcio.it", in Piemonte) per entrare, successivamente, in redazione a Torino del settimanale cartaceo di “ Sprint&Sport" e Terzo Tempo (settore calcistico dilettantistico Regione e Nazionale - Professionistico – Serie D). Collaboro dal 2018 con RCS Sport per il Giro d' Italia (seguendolo in tutte le tappe) e nel Giro 103 ho collaborato come addetto stampa per quotidiani on line di ciclismo ( bikenews ). Appassionato di Sci alpino e nordico segue gare Mondiali e Coppa del Mondo dal 2000. Credo che il CALCIO FEMMINILE ITALIANO sia un movimento in grande crescita e debba avere le stessa visibilità del mondo “ maschile", pertanto, contribuisco a questo grande obbiettivo.