La Serie A è giunta ormai alla sua conclusione e la Sampdoria Women ha chiuso la stagione nel migliore dei modi. L’ultima vittoria per 3-1 contro l’Hellas Verona in trasferta, infatti, è stata la ciliegina sulla torta di un’annata semplicemente straordinaria e storica. Partita inizialmente in salita per le ragazze di mister Cincotta, in svantaggio al 22′ dopo il goal di Alessia Rognoni. La centrocampista classe ’97, approfittando del controllo maldestro di Tampieri, insacca infatti la rete dell’1-0 accendendo l’entusiasmo dei propri tifosi.

La Samp prova a reagire, non riuscendo però a trovare il pareggio prima dell’intervallo. A inizio ripresa, però, la spinta delle blucerchiate aumenta ulteriormente e Ana Lucía Martínez punisce le veronesi al 50′ sfruttando al meglio l’assist al bacio di Sabah Seghir. Quattro minuti più tardi, la scatenata attaccante guatemalteca fa il bis, vedendosi però annullare il goal per fuorigioco. Il match è nella sua fase combattuta e entrambe le formazioni tentano il sorpasso. Dopo tanti sforzi, è la Samp a trovare il meritato vantaggio con Dominika Čonč all’86’. La talentuosa centrocampista slovena, infatti, fulmina il portiere avversario con un missile imprendibile dalla distanza.

Il sigillo definitivo al match arriva infine in zona Cesarini con Melania Martinovic, capace di approfittare al meglio di una disattenzione di Sofia Meneghini, concludendo a rete con incredibile freddezza. La sfida di domenica 15 maggio è stata un po’ lo specchio della stagione blucerchiata. Le guerriere di mister Cincotta, infatti, nonostante le difficoltà iniziali e lo scetticismo di molti, sono riuscite a conquistarsi meritatamente una storica salvezza con tanta determinazione e umiltà.

Come già detto più volte nei precedenti articoli, grande merito di questo traguardo straordinario va attribuito anche al tecnico lombardo e al suo staff, professionisti capaci di creare un ambiente sano e coeso, riuscendo a tirar fuori il meglio dalle proprie giocatrici. Per concludere questo articolo, dunque, non potrebbe esserci modo migliore di riproporre il messaggio postato da Antonio Cincotta sul suo profilo Instagram al termine della partita.

Il condottiero blucerchiato, dopo aver pubblicato una foto della classifica finale di Serie A femminile, ha infatti celebrato le proprie ragazze così: “Non una buona stagione quella che avete appena terminato, un capolavoro vero e proprio. Una storia romantica la vostra, di chi con poco ha fatto molto, una leggendaria, favolosa, unica impresa sportiva di chi dal nulla è arrivato oltre il pensabile“.

Il tecnico ha poi continuato sottolineando l’incredibile valore umano di questo risultato straordinario: “La vera vittoria, che serberò nel mio cuore per sempre, non ha punti e non ha posizione: è il rapporto umano, la stima, la fiducia reciproca con ognuna di Voi, ogni singola calciatrice di questa rosa, un feeling onesto e vero, fra persone vere, tra persone semplici. La più dura e affascinante impresa della mia carriera da allenatore. Grazie ragazze, grazie per avermi reso migliore, grazie Sampdoria!“.

Anacaprese atipico, ho lasciato l’isola alla volta di Udine per seguire i corsi di laurea triennale in Mediazione Culturale. Durante gli anni in Friuli ho avuto modo di conoscere ed amare la cultura slovena inizando a seguire la Prva Liga. Iscritto attualmente al primo anno di Informazione ed Editoria presso l'Università di Genova, coltivo la passione per il giornalismo sportivo ed il calcio, sia femminile sia maschile. Essendo stato, in passato, responsabile della rubrica sportiva presso LiguriaToday, ho avuto la fortuna di assistere dal vivo e raccontare gli incontri di alcune squadre della provincia di Genova. Nutro un forte interesse anche per gli eSports ed ho avuto modo di seguirne i match più importanti, intervistando alcuni dei suoi principali protagonisti.