Una delle novità del Campionato 2018/2019 sarà sicuramente l’ingresso nel panorama femminile dell’AC Milan. Una delle vicende tribolate della passata stagione e inizio estate che ha visto il passaggio del titolo sportivo dal Brescia Femminile all’AC Milan, lanciando così il club milanese nella Serie A Femminile. Prima scelta della società è stata quella dell’allenatore, scelta che è ricaduta su Carolina Morace, chiamata a costruire una nuova squadra da zero e portare quanto prima risultati importanti. Un po’ l’analoga sorte alla quale abbiamo assistito la scorsa estate con la nascita della Juventus Women.
A seguito della scelta del tecnico, si è passati alla rosa della squadra, ancora completamente da scoprire e, probabilmente, in attesa di qualche innesto, vede figurare tra le proprie fila tante giocatrici provenienti dal Brescia Femminile con l’aggiunta di acquisti importanti che sarà cura dello staff far amalgamare come gruppo e come gioco.

Analizziamo come, ad oggi, potrebbe scendere in campo la neo-nata AC Milan Women. In porta troviamo Camelia Caesar, portiere che ha ben figurato nella passata stagione al Brescia Femminile. Davanti a lei può essere ipotizzabile una linea a 4 con Tucceri-Cimini a guidare la difesa affiancata da Fusetti o Manieri. Acquisto importante per contribuire maggiormente all’esperienza difensiva, è l’inserimento di Sandra Zigic. Difensore croata di grande esperienza (maggior numero di presenze con la maglia croata in nazionale), si inserirà nella linea difensiva italiana pronta a contribuire e partecipare attivamente alla stagione. A completare la linea possiamo trovare Rizza a sinistra e Mendes a destra pronte a portare copertura e spinta offensiva.
Il centrocampo sarà guidato dall’estro di Manuela Giugliano che fungerà da collante tra la fase difensiva e quella offensiva, fondamentale nelle transizioni difensive e nell’impostazione del gioco in fase di costruzione, senza tralasciare la capacità balistica nei tiri piazzati e la visione del gioco in fase di rifinitura. Insieme a lei troveremo una giocatrice abile sia nella fase difensiva che in quella offensiva come Marta Carissimi, ex Fiorentina Women’s, pronta a questa nuova sfida. Per completare la linea a 3 di centrocampo, ipotizzerei l’inserimento di Lisa Alborghetti, molto più propositiva nella fase offensiva, ma utile anche nella prima pressione sull’avversario e come filtro a centrocampo.
Linea d’attacco affidata alle 3 giocatrici provenienti da Brescia: Sabatino, Bergamaschi, Giacinti. Già molto affiatate dalla passata stagione, con un ottimo feeling anche con la regista Giugliano, pronte a proporre una grande quantità di occasioni sfruttando la velocità sulla fascia della Bergamaschi, la tecnica di Sabatino e la capacità di inserirsi e liberarsi in area di Giacinti. In attesa del rientro di Bergamaschi dall’infortunio occorso nella passata stagione, sarà probabilmente Heroum la principale sostituta.

Tutto questo, senza contare che il mercato è ancora vivo e ci potrebbero essere delle interessanti aggiunte alla già molto competitiva rosa del AC Milan.
Già in questa situazione, la rosa appare molto competitiva, ricca di giocatrici importanti. Il sistema di gioco sarà da valutare nel corso delle prime uscite in amichevole dalla formazione milanese, ma ritengo che il 4-3-3 sia la soluzione più ipotizzabile al momento. Vedremo nel corso delle prossime settimane quale sarà l’effettiva filosofica di gioco di Carolina Morace e come verrà trasmessa alla squadra e in campo.

Versatile ed eclettico, seguo con passione e dedizione ogni progetto al quale mi dedico. Pronto a raccogliere ed affrontare le sfide professionali che si configurano con tutta l'attenzione e la dedizione possibile, sempre con la massima positività. Attento alla gestione di gruppi di lavoro con la convinzione di portare benefici e risultati alle mie attività professionali.