Il Brescia Calcio Femminile conquista i primi tre punti stagionali in Serie B grazie alla vittoria esterna di misura sul campo della Torres: a decidere la sfida il rigore procurato da Saggion e realizzato al 66′ da Luana Merli.

LA GARA – Mister Elio Garavaglia opera due cambi rispetto al pareggio all’esordio di sette giorni fa contro il Ravenna: si accomodano in panchina Viscardi e Ghisi, al loro posto Maroni e Cristina Merli. In porta c’è Lonni; difesa composta da Asta, Perin, Galbiati e Maroni; a centrocampo Saggion, Magri e appunto Cristina Merli; attacco formato da Hjohlman, capitan Brayda e Luana Merli. Arbitra il signor Sassano di Padova.
Come previsto, la gara è difficile e bloccata, con la Torres molto aggressiva in tutte le zone del campo: il risultato sono tanti errori di misura da una parte e dall’altra e gioco che stenta a decollare. Il primo squillo è del Brescia al 19′ con Brayda che controlla e spara sul primo palo ma è ottima la risposta di Fabiano. Risponde la Torres al 36′ con la punizione di Accornero proprio dal limite dell’area di rigore, ma il suo tiro sibila di poco a lato del palo. Al 38′ ci prova Saggion dalla distanza ma è un tiro che non impensierisce Fabiano.
La ripresa si apre subito con l’occasione migliore per le padrone di casa: al 4′ Bassano si presenta a tu per tu con Lonni ma si allunga troppo il pallone e favorisce l’uscita a valanga dell’estremo difensore delle Leonesse, che respinge col corpo. Al 51′ Garavaglia opera i primi cambi: fuori Maroni e Brayda, dentro Viscardi e Bianchi; più avanti entreranno Pellegrinelli e Ghisi per Cristina Merli e Magri e nel finale Barcella per Saggion. Al 66′ l’episodio che sblocca il match: azione sulla sinistra con Luana Merli che combatte, pallone che sbuca in area per l’accorrente Saggion che viene stesa. Rigore netto che Luana Merli realizza spiazzando Fabiano. Alla Torres non riesce la reazione, mentre il Brescia riesce a controllare e gestire la partita. Unico brivido, al quinto e ultimo minuto di recupero con l’uscita di pugno di Lonni su un calcio di punizione laterale battuto dalle sarde.
Tre punti d’oro per il campionato del Brescia, che proiettano così le Leonesse a quattro punti in classifica. Settimana prossima altra trasferta, stavolta in casa del Como.

LE INTERVISTE – «È stata una partita come me l’aspettavo il commento di mister Elio Garavaglia – molto difficile ed impegnativa sotto tutti i punti di vista. Venire a giocare qui ad inizio stagione non è sicuramente semplice. Sapevamo anche che sarebbe stata una partita che si sarebbe decisa molto più grazie all’aspetto caratteriale e dell’intensità rispetto alla tecnica. Le ragazze si sono comportate bene, e dal punto di vista dell’aggressività e della cattiveria agonistica hanno sicuramente fatto un passo in avanti rispetto a domenica scorsa». Una partita di lotta nella quale il Brescia è venuto fuori alla distanza: «Nell’intervallo ho detto alle ragazze che mi sarei aspettato da loro una crescita nella seconda frazione, come poi si è verificato». Settimana prossima altro impegno molto probante, in casa del Como: «Ci penseremo da martedì, ma in questo momento tutte le squadre sono temibili perché tutte sono ancora in rodaggio. Sicuramente loro sono una squadra che ambirà a fare il meglio possibile, però noi andremo lì a fare la nostra partita e a cercare di imporci, perché questa è la mentalità che voglio dimostri la mia squadra».
«Siamo riuscite tutte insieme a portare via tre punti molto importanti per il nostro campionato – le parole di Giorgia Pellegrinelli – tenendoci per mano e sostenendoci a vicenda in una partita sicuramente difficile». Pellegrinelli, subentrata poco prima del gol del vantaggio, è stata protagonista della parte migliore della partita del Brescia, nel secondo tempo: «Cosa è cambiato? Ci siamo guardate in faccia negli spogliatoi e ci siamo dette che ce la potevamo fare. Chi è entrata è riuscita a dare quel qualcosa in più che magari era mancato nel primo tempo, ma è la forza di questo gruppo. Dobbiamo continuare così, andare su ogni campo e giocare con lo spirito di questi secondi quarantacinque minuti».
Tra le più positive indubbiamente Laura Perin: «Sicuramente è merito di tutta la squadra questo risultato. Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata ma siamo state brave a concedere poco, e un plauso a tutte per il carattere mostrato». Ancora una volta un Brescia molto migliore nel secondo tempo: «Nel primo tempo abbiamo preso un po’ le misure, e comunque va dato merito anche alle avversarie che sono state molto aggressive. Siamo state pazienti e brave a non mollare e crederci in ogni istante che avremmo segnato e conquistato questa vittoria, secondo me meritata». Quattro punti in due partite: «Sapevamo che questi tre punti erano molto importanti per noi e il merito della vittoria di oggi va ripartita fra tutti, dalla società, allo staff, a noi giocatrici».

SASSARI TORRES: Fabiano, Congia, Accornero, Iannazzo (86′ Lombardo), Faria Gomes, Spaan, Bassano, Lady, Airola (72′ Peddio), Pederzani (81′ Scarpelli), Weithofer. A disp: Bertone, Leendertse, Deiana. All: Arca.
BRESCIA: Lonni, Asta, Perin, Galbiati, Maroni (51′ Viscardi), Saggion (81′ Barcella), Magri (64′ Ghisi), Cristina Merli (64′ Pellegrinelli), Hjohlman, Brayda (51′ Bianchi), Luana Merli. A disp: Ballabio, Maroni, Pasquali, Tengattini. All: Garavaglia.
ARBITRO: Sassano di Padova.
MARCATRICE : 66′ Luana Merli (BRE, rigore)
AMMONITE: Ladu (ST), Iannazzo (ST), Bassano (ST), Saggion (BRE), Barcella (BRE).

Photo Credit: Brescia Calcio Femminile