Il Cortefranca torna a respirare, pareggiando in casa della Pro Sesto per 0-0, ma è pieno di rammarico, dato che poteva essere una vittoria.

Le cortefranchesi potrebbero infatti passare in vantaggio al 4′, quando Alice Martani viene atterrata in area sestese, ma Cristina Selmi sventa il tiro dal dischetto battuto dall’ex bomber del Chievo Verona. La numero uno biancazzurra si ripete al 24′ parando una conclusione di Velati. Le franciacortine provano a pressare la porta casalinga con i tentativi di Muraro, e Vavassori, ma entrambe le conclusioni terminano fuori. Anche la Pro Sesto hanno la possibilità di prendersi i tre punti, ma l’occasione più nitida che hanno i padroni di casa finisce sulla traversa.

Sicuramente siamo contente di aver interrotto la striscia di risultati negativi. Detto questo, però, sappiamo benissimo che per salvarci dobbiamo fare goal, altrimenti diventa veramente dura. Quindi sì, c’è del rammarico soprattutto per quel che abbiamo creato – ha commentato la coach del Cortefranca Nicoletta Mazza sui canali ufficiali – siamo cresciute molto e siamo ancora a metà strada. Abbiamo tanto margine di miglioramento, perciò continuiamo con il lavoro, umiltà e determinazione.

Un pareggio importante, perché permette il Cortefranca di rimanere al quint’ultimo posto della Serie B con cinque punti, e nel prossimo turno ospiterà il Cesena che, domenica, ha sconfitto la Torres per 4-0.

PRO SESTO: Selmi, Polner (78′ Possenti), Colfalonieri, Mauri (56′ Coda), Mariani, Grumelli, Carabetta, Carlucci, (56′ Abati), Dell’Acqua, Scuratti, (41′ Marasco), Tugnoli. A disp: Barletta, Melodia, Pedrazzani, Ciocca, Pizzardi. All: Ruggeri.
CORTEFRANCA: Meleddu, Vavassori, Redolfi, Lacchini, Brevi, Gervasi (65′ Belotti), Kiem, Freddi, (78′ Valtulini), Velati (71′ Zanetti), Martani, Muraro. A disp: Limardi, Valesi, ASperti, Picchi, Belussi, Bonfante. All: Mazza.
ARBITRO: Gandino di Alessandria.
AMMMONITE: Confalonieri (PS), Lacchini (COR).

Photo Credit: ASD Cortefranca Calcio

 

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.