La San Marino Academy riscatta la non meritata sconfitta di Ravenna nel girone d’andata, facendo proprio il derby di ritorno. Prestazione di grande personalità per le ragazze di Alain Conte, abili nel gestire possesso e ritmi della gara, soffrendo nel primo tempo e ringraziando il montante nella ripresa. I legni sono equamente distribuiti, compresa la traversa di Jansen alla mezz’ora, a differenza dei corner: dieci per le Titane, a dimostrazione della grande presenza delle metà campo giallorossa.  

Inizialmente l’Academy va tre volte dalla bandierina e in ogni occasione è pericolosa: prima con Alborghetti, che calcia di poco fuori con Baldini vicina a correggere in rete. Ancora la stessa attaccante romagnola ci prova al volo senza fortuna, mentre Martina Piazza – tornata dal primo minuto in campionato, dopo la titolarità in Coppa Italia con l’Inter – calcia centrale a metà del sesto minuto.  

Al Ravenna non resta altro che replicare, con la fuga in campo aperto di Burbassi, che controlla male e trascina il pallone sul fondo dopo aver battuto la linea del fuorigioco. Questo sarà un tema ricorrente nelle manovre offensive ospiti. Da parte opposta Barbieri ruba la palla sui venti metri favorendo il destro impreciso di Fusar Poli. Ricci se la gioca sulle ripartenze e per poco il Ravenna non va in porta con Burbassi, messa in movimento dal controllo errato di Distefano: il tiro cross mancino si spegne sul fondo.  

Alborghetti salta Raggi e scarica per Barbieri, il cui tiro si infrange su un flipper di gambe. La pressione alta funziona e l’Academy torna a godere di un extra-possesso alla mezz’ora, quando Alborghetti intercetta e suggerisce al limite per Jansen. L’olandese centra in pieno la traversa a Vicenzi battuta: sulla respinta del legno Baldini anticipa anche Brambilla, ma spedisce fuori.  

E’ un finale di apprensione per le Titane, che vanno in difficoltà su lanci lunghi e leggibili. Un paio di incertezze di Kiamou e Montalti, prima costringono Alessia Piazza ad una coraggiosa uscita sui piedi di Distefano, poi De Paoli ravvisa la posizione irregolare di Burbassi, arrivata a calciare da una manciata di metri dal bersaglio grosso.  

In chiusura di tempo, ecco una doppia opportunità per Fusar Poli: in entrambe le occasioni, il destro termina alto. Senza appello il primo, su grande rifinitura di Baldini, con deviazione in angolo il secondo. Le reti sono inviolate all’intervallo e proprio in quel quarto d’ora ecco la mossa vincente di Conte. Massa rileva Alborghetti: scelta che pagherà in meno di cinque minuti. Precedentemente, una doppia opportunità per il vantaggio: sinistro a giro fuori di un soffio e conclusione sporca di Barbieri, che non punisce l’errore in costruzione delle ospiti. Queste capitolano al 50’, quando Massa, servita spalle alla porta da rimessa laterale, manda a vuoto il raddoppio con una bella giocata di suola, e pennella sul primo palo dove Barbieri è veloce e puntuale nell’anticipo di testa, che vale l’1-0, con dedica speciale, indirizzata alle compagne fuori per infortunio: Micciarelli e Nozzi.  

La ripresa è frizzante, Massa è spesso protagonista. Al 54’ una sua discesa sfocia in un tiro-cross deviato, che spiazza Vicenzi e termina sull’esterno della rete. Poco dopo il Ravenna maledice la sorte con Benedetti, che arriva a calciare di punta dal limite per colpire il palo con Alessia Piazza fuori causa. A metà frazione ecco in campo Menin, che rileva Jansen. Il Ravenna sfiora il gol, con la contestata punizione di Ligi che scavalca la barriera e sfila di un palmo affianco all’incrocio dei pali.  

Ancora le giallorosse col cuore in gola al 74’, quando Burbassi si smarca alle spalle di Montalti e arriva vicino ad Alessia Piazza, prima di alzare troppo la mira col destro. La situazione è viziata da un controllo di mano dell’ala ospite, rilevato da Giudice. Le sostituzioni di Ricci non portano quanto sperato, nemmeno l’inserimento dell’ex Simona Cimatti,con qualche noia dal punto di fisico. Negli ultimi minuti c’è solo la San Marino Academy, che manca l’appuntamento col colpo del KO. All’85’ Massa fa il vuoto e anticipa l’uscita di Vicenzi. Pronti i recuperi di Greppi e Giovagnoli, che ritardano la giocata di Massa e permettono all’estremo ospite di riprendere la posizione e deviare in angolo la conclusione di sinistro.  

Nell’ultimo minuto ci prova ancora Massa, entrando in area e appoggiando per Barbieri: ma il destro si impenna sul corpo di Giovagnoli, buono per la semirovesciata dell’ala classe ’02, che si coordina alla grande chiamando in causa Vicenzi. Nel corso del terzo ed ultimo minuto di recupero, si segnala la bella chiusura in spaccata di Montalti, che nega a Distefano una cavalcata in solitaria fino alla porta sammarinese.  

Dunque un prezioso successo per la San Marino Academy, che sale a quota 19 punti in classifica e stacca proprio le romagnole – con le quali erano appaiate prima della sfida odierna. Il risultato permette alle Titane di agganciare il Chievo Verona Femminile al quinto posto ed accorciare sul Tavagnacco – appena un punto più su. Non cambia nulla in vetta, dove si registrano i successi di Como, Brescia e Bari. Il prossimo turno il 20 febbraio, quando la San Marino Academy farà visita alla Roma Calcio Femminile con l’obiettivo di fare punti pesanti, complice lo scontro diretto tra Brescia e Como.  

Prima dell’incontro è stato osservato un minuto di raccoglimento per onorare la memoria di Alessia Sanna, calciatrice della Sassari Torres scomparsa lo scorso 19 gennaio, e Leo Tabarrini – amico del calcio sammarinese, venuto a mancare all’affetto dei suoi cari venerdì.  

Serie B Femminile, 15. giornata | San Marino Academy-Ravenna 1-0  

SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]  A. Piazza; Marrone, Montalti, Kiamou, M. Piazza; Fusar Poli, Brambilla; Alborghetti (dal 46’ Massa), Jansen (dal 68’ Menin), Baldini (dall’86’ Bertolotti); Barbieri  A disposizione: Montanari, Papaleo, Kuenrath, Venturini, Cecchini, Prinzivalli  Allenatore: Alain Conte  

RAVENNA [4-3-3]  Vicenzi; Capucci (dall’85’ Cimatti), Giovagnoli, Greppi, Raggi; Morucci, Ligi (dal 76’ Gianesin), Benedetti; Poli (dal 62’ Barbaresi), Distefano, Burbassi A disposizione: Tanzini, Crespi, Baruffaldi  Allenatore: Massimo Ricci  

Arbitro: Andrea Terribile di Bassano del Grappa  

Assistenti: Marco Giudice di Frosinone e Marco De Paoli di Cesena  

Marcatori: 50’ Barbieri  

Ammoniti: Baldini 

Credit Photo: ©SMAcademy 

Danilo Billi è un giornalista pubblicista da circa 20 anni. Nativo di Bologna, ha mosso i primi passi lavorativi nella città natale nell’ambito sportivo, seguendo dapprima la Fortitudo Baseball e poi la Pallavolo femminile di San Lazzaro di Savena in serie A1. Per gli anni a seguire ha collaborato con la Lega Volley Femminile, prima di approdare a Pesaro, dove è stato capo fotografo per oltre 10 anni dell’ex Scavolini Volley di A1 e redattore a Pesaro, dove attualmente vive, per il Messaggero, il Corriere Adriatico e Pesaro Notizie (web). Si è occupato del Bologna Football Club per diverse stazioni radio emiliane, come Radio Logica e Radio Digitale, dopo di che ha iniziato a scrivere per la fanzine Cronache Bolognesi e ha collaborato con altri siti e app che si occupano, tra l’altro, di calcio femminile, che negli ultimi anni ha rappresentato la maggior parte della suo impegno giornalistico. Ha scritto due libri di narrativa attinenti al calcio Bolognese e al suo tifo e uno lo scorso anno relativo alla stagione del Bologna calcio femminile edito dalla collezione Luca e Lamberto Bertozzi.