La venticinquesima giornata di Serie B ha emesso la Top 11 di questo turno.

MODULO: 4-3-3

PORTIERI

Serena Natalucci (Lazio)
Nella partita col Vicenza tocca a Serena difendere i pali della Lazio, ma grazie alla sua esperienza è riuscita a respingere gli assalti dell’attacco vicentino, e fa il suo esordio in B con la porta inviolata.

DIFENSORI

Federica Veritti (Tavagnacco)
Ritorna al gol il giovane difensore classe ’94, e la rete segnata al Como vale molto sia per lei che per la squadra che vuole almeno prendersi il terzo posto.

Alessia Pecchini (Chievo Verona)
Contro la Roma Calcio Femminile Alessia ha accettato di giocare nel ruolo di difensore centrale, e l’ha fatto molto bene, sedando con esperienza l’attacco giallorosso. E consegna alle clivensi un punto che vale Serie B.

Daiana Mascanzoni (Chievo Verona)
Il concetto che abbiamo scritto per Alessia vale anche per Daiana che, nonostante sia centrocampista e attaccante, per il bene della sua squadra ha deciso di giocare in difesa, contribuendo al Chievo il pari che equivale alla salvezza.

Camilla Labate (Lazio)
Buona la partita quella disputata da Camilla che col Vicenza avrebbe potuto chiudere definitivamente i giochi, ma il tiro del difensore biancoceleste è finito sul palo.

CENTROCAMPISTE

Serena Magri (Brescia)
La centrocampista classe 2001 entra nel corso della ripresa quando il Brescia, col Pomigliano, è sotto di una rete. Ebbene decide che è ora di cambiare la partita: suo infatti il lancio che permette a Luana Merli di procurarsi il rigore, e dal dischetto ci va proprio Serena e, nonostante abbia solo vent’anni, con freddezza realizza il rigore che vale la salvezza biancoblù.

Elisa Dehima (Pontedera)
Elisa ha incarato a pieno lo spirito del Pontedera in questi ultimi turni: non mollare mai e lottare su ogni pallone fino alla fine, nonostante era già retrocesso. Contributo importante per la centrocampista ex Empoli che, con una doppietta, fa nuovamente gioire le pontederine.

Miriam Picchi (Ravenna)

Torna ad essere nuovamente decisiva la centrocampista del Ravenna, che in questa stagione ha dovuto stare purtroppo lontano dai campi per infortuni vari, e il gol che dà alle ravennati sul Cittadella può essere d’auspicio per la prossima stagione.

ATTACCANTI

Adriana Martín (Lazio)
Non abbiamo più aggettivi per una giocatrice che si è rivelata senza dubbio come il crack che serviva alla Lazio nella scalata alla Serie A. Col Vicenza arriva il venticinquesimo centro in campionato e, salvo goleade di altre concorrenti, si aggiudica il titolo di capocannoniere della Serie B.

Luana Merli (Brescia)
Luana non solo segna con una splendida acrobazia la rete del pareggio, ma crea i presupposti per portare avanti il suo Brescia costruendo il calcio di rigore. Decisiva.

Arianna Marengoni (Ravenna)
Non fateci caso alla sua tenera età (è una classe 2003), perché tira fuori grinta da veterana: suo infatti il gol che porta in vantaggio il Ravenna sul Cittadella.

Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek, un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa.