La Serie B 2019/20 nel giro di una giornata è stata completamente rivoluzionata.

Lunedì il Consiglio Federale della FIGC ha sancito la salita in Serie A del Napoli e la retrocessione in cadetteria dell’Orobica. Decisione giusta, e fin qui tutto bene. Poi il primo colpo di scena: dopo 19 anni il Tavagnacco è declassato in B, che non l’ha presa bene e sta valutando se fare ricorso, e la Lazio in massima serie. La cosa ha fatto storcere il naso, poiché le aquilotte hanno sì chiuso al secondo posto, ma hanno giocato una partita in più rispetto alla terza classificata San Marino Academy. E nella notte arriva il secondo colpo di teatro. La FIGC ha deciso di applicare anche per la Serie B femminile il temuto algoritmo: quindi in A ci vanno le titane, mentre le biancocelesti restano in cadetteria.

Se partenopee e sanmarinesi hanno ottenuto il risultato con merito, grazie alle prestazioni sul campo, in casa laziale vi è amarezza per l’epilogo beffardo, ma crediamo che questo possa avere quello stimolo necessario per salire in A il prossimo anno.

Ma non finisce qui perché per via dell’impossibilità di disputare gli spareggi incrociati tra le squadre di B e di C, il campionato cadetto 2020/21 sarà a 14 squadre. Un cambiamento importante, perché potrebbe rappresentare un’opportunità in più per qualche giocatrice di matutare esperienza nella seconda serie. Perciò salutiamo le ultime due classificate della B Novese e Perugia, dando il benvenuto alle squadre che hanno vinto i rispettivi gironi della terza categoria: l’ACF Como (A), il Vicenza CF (B), il Pontedera (C) e il Pomigliano (D).

Quindi possiamo dire tranquillamente che andremo incontro ad una nuova Serie B che potrebbe creare nuove scintille e storie interessanti. Non vediamo l’ora che arrivi la data di inizio del campionato.

Elia Soregaroli
Nato il 12 luglio del 1988 a Cremona, Elia ha sempre avuto una grande passione per il mondo del giornalismo, in particolar modo a quello sportivo. Ha due esperienze lavorative in questo settore, IamCalcio e ManerbioWeek (che è attualmente in corso), un workshop con l'emittente televisiva Sportitalia, e uno stage curricolare con il Giornale di Brescia. Si avvicina al calcio femminile nel 2013 grazie ai risultati e al percorso del Brescia CF e da allora ha cominciato ad occuparsi anche del movimento in rosa. Oltre a questo ho come hobby leggere libri e i balli latinoamericani.